• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Archivio

Archivi per il Mese: marzo 2018

Pasqua de nome

Pasqua de nome

L’ho chiamato Aniello. Forse perché me pareva er nome più vicino alla parola agnello. Chiamandomi Pasqua me pareva er minimo. Così piccolino, nato prima. Un agnellino. Pure i riccetti c’aveva, e tutti biondi che parevano bianchi. Era buono buono. Come se dice, magnava e dormiva. Il mio bambino. Il mioContinue Reading

Un sogno chiamato Florida

Un sogno chiamato Florida

Thelma e Louise in miniatura di Costanza Firrao Disneyland è a due passi e tutta la zona brulica di turisti, fast food, negozi che vendono paccottiglia. Moonie, Scootie e Jancey sono tre bambinetti intorno ai 6 anni che nonostante la tenera età, vivono in modo indipendente, sempre in giro perContinue Reading

Stabat Mater

Stabat Mater

I Ci sono mattini trasparenti, prima che il cielo si rannuvoli e il tempo si guasti. Ci sono mattini trasparenti in cui l’isola appare. Una lingua di terra si ingobbisce sull’acqua, al largo della costa. Giovanni dice che un giorno andremo ad abitare lì. Non appena mi sarò ripresa, noleggeràContinue Reading

I Sepolcri

I Sepolcri

E’ giovedì santo, è sera e sono tornato da poco dalla visita in una Chiesa di un piccolo paese della Brianza. Noi cristiani abbiamo l’abitudine di salutare il Cristo Morto. Qui il prete ha preso il Crocefisso e l’ha adagiato su alcuni cuscini di velluto rosso. Eloquente simbologia. Ero soloContinue Reading

Parole sparite

Parole sparite

Le chiamo parole sparite – scritte o ricevute, raccolte e legate da un lucido nastro, riposte con cura in un lungo silenzio. A volte ritornano – le senti camminare nell’aria, riempirti il respiro. Una voce, un richiamo – una tazza di thè, un ruvido foglio di carta – iniziare cosìContinue Reading

La serva

La serva

La giovane campagnola davanti alla stazione Orientale di Budapest, in questa foto degli anni ’30, mi ha colpita sia per la bellezza dell’immagine sia per l’associazione immediata con la protagonista di uno dei più bei romanzi ungheresi in assoluto, Anna Édes di Dezső Kosztolányi, cui ho anche lavorato e cheContinue Reading

Oltre il confine

Oltre il confine

Eraldo non era un tipo religioso. Così, quando si ammalò (e sembrava a tutti che non ci fosse più niente da fare per lui), pensò subito che il suo viaggio stava finendo per sempre e che non ci sarebbero state alternative. Il suo momento arrivò, in un giorno come tuttiContinue Reading

Come cade la luce

Come cade la luce

Anche allora, nel suo romanzo d’esordio “La metà di niente” (1997) c’era una famiglia, madre, padre e tre figli. Poi il padre una mattina, invece di recarsi in ufficio, sbatte la porta e se ne va per sempre, lasciando Rose alle prese con i ragazzi, i debiti, la dura lottaContinue Reading

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

Pubblicità

  • La tua pubblicità su LRI !
  • La tua pubblicità su LRI !

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design