• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Perché o fai, dirimpettaia der condominio?
Tu credi profondamente che senza di lui non avresti protezione.
Tu, dentro dentro, sei convinta di aver bisogno di quel braccio a difesa. Salvo poi averlo addosso per offesa e minaccia.
Perché, dirimpettaia cara, non potrai dire a questo tuo lui che non lo ami più,
non potrai mica dire che te ne vai altrove, no no no.
Questa è un’offesa alla sua dignità di uomo.
Come ti permetti di anelare a un’indipendenza?
Tu?!
Tu che non sei nessuno,
che non sei buona a fare le cose pratiche,
che non vali una lira quando regna bastoni,
che, se non fosse stato per lui, chissà dove staresti e con chi,
che manco guidi (eh, dirimpettaia dei miei sandali Teva, perché ntaa pii sta patente e impari a parcheggià e a orientatte pe’ Roma? Sarebbe ora, too dico gratis)
che manco sai come se programma er decoder de sky.
Lui sì, queste cose le sa. E sa che, se non si sbriga a prendere provvedimenti, c’avrai chissà quali arzate d’ingegno che te faranno allontanà e divertitte artrove.
Visto che non può toglierti le scarpe perché in Italia è vietato daa legge, cercherà de levatte credibilità, sicurezza (capirai, dirimpettà, manco ce vò tanto cottè: sei bella, brava, ntelliggente, se vede lontano un miglio, ma se vede pure che nu lo sai, ntenerendiconto. Anche na bella psicoterapia nun guasterebbe), te pierà ngiro, comincerà a dire che la casa è sua, il lavandino è suo, il frigo è suo e il letto è suo. E tu accetterai. Ripiegherai nelle zone d’ombra della casa.
Ignoro perché tu accetti, faccio l’ipotesi che sei stata educata come me ad aspettarti ragionevolezza e che la prepotenza ti spiazzi (eppure è così normale… Ma non ci hanno insegnato a rispondere con la clava o con la protesta o con la spada alla prepotenza),
o che comunque ti abbiano implicitamente fatto capire che si è più amabili quando si è oblativi, mediatori, diplomatici e si abbozza per amor di pace. La donna parte da terra nella lotta libera di coppia e cercano anche di farlo passare per ‘naturale’.
Lui, intanto, ti viene a svegliare appena t’addormenti e ti fa la guerra delle minacce e dei ricatti. E tu ci credi. Ti ha anche puntato un coltello l’altra notte, co gli occhi da matto.
Ignoro perché ci credi, visto che dei due sei senza dubbio la più agile e che la legge ti protegge: in fondo a te c’è un Iran che furoreggia e vige.
Ve sento (più che altro lui) tutte le sere.
Che ti sbeffeggia, ti umilia davanti ai figli, e tu niente, nu risponni. E lui ride. E urla. Lo sentiamo tutti, ar pianerottolo, ma nessuno interviene, perché ncesempiccia de la moje de n’antro.
Penzi che gnaa poi fà annattene. Penzi che sì, è stronzo, ma è più forte lui e che ti troverai peggio senza di lui che così. Ciai paura daa solitudine e de n’esse capace.
Perché lo fai, disperata dirimpettaiaaaaa?
E er domani diventa mai.

 

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design