• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

 

 

Brioscia, oggi mi sono fermata a pag 34 del tuo libro. Devo sostare di continuo, per il dolore e per la nostalgia. Non ballerò mai più. Io che ero la danza. Non tanto il tango, che con il mio tenentino della regia imperial marina austroungarica accennavo ogni tanto – pochi passi ma di tutto cuore. Era parte del repertorio ma non protagonista. Ma come tu ben sai ogni ballo è il tango, e il tango contiene ogni altro ballo. Le tue parole mi attraversano come frecce di cristallo, dipingendomi il mio regno perduto.

Ho ballato decenni col mio principe goffo senza abbraccio, senza mani – ho ballato telepaticamente a occhi chiusi. E lui mi circondava e seguiva con i suoi movimenti sempre perfettamente a ritmo. Non era, non sarebbe mai stato, il più elegante e audace della pista, l’intrecciatore di esibite acrobazie. Ma non ha mai sbagliato un tempo. A occhi chiusi lo sapevo lo sentivo intorno a me, sorridere quando la mia danza era ironica, raccogliere le mie malinconie, esserne fiero. Io ballavo una musica coi piedi, una con le mani, una col viso: lui me le raccoglieva tutte come fosse stato il mio sacerdote. Ogni tanto, ieratica, mi fermavo. Sedevo, lasciavo che altre donne godessero del suo ritmo e della sua allegria. Io non ballavo con altri: o con lui o da sola. Sono severa.

Oh lo so che questo non è tango. Ma il tango è anche questo. Il corpo che conosce tutti i luoghi e movimenti, e disegna forme eterne nello spazio per un attimo. Il tuo tango mi strazia, perché anche tu vai terribilmente, assolutamente a tempo, come noi. Non perdi una sfumatura di ritmo.

Piano piano continuerò l’amoroso calvario della mia lettura, ballando con lacrime armoniose. E finirò il tuo libro, mia regina. Ma ti dovevo questa spiegazione per la mia lentezza.

La musica mi ha lasciata per sempre. Ma il ritmo continua ostinato a intrecciarsi dentro di me.

La ballerina sorda

PS. Poi il libro ho finito di leggerlo, ascoltando nel silenzio il Tango a Media Luz.  

“Lezioni di Tango” di Anna Mallamo, detta Mangino Brioches (edizioni Città del sole)

 

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design