• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

 

Arrivò fino a Ponte Testaccio, quello che se prosegui ti porta in Via Galvani, e alla Piramide Cestia e al Circo Massimo, oppure a Caracalla. Ma lui di Roma non sapeva nulla. Era arrivato lì solo per caso, nuotando nell’acqua color cenere che gli antichi chiamavano Albula, o Rumon, o Thybris. Attorno a lui c’era gente che strillava, lo chiamava eccitata dalle rive, lo avvicinava su piccole barche. Lui proseguiva senza ascoltare niente, senza rendersi conto del clamore.
Quando a Ostia si era infilato dentro il fiume non pensava di arrivare fino a lì. Roma era un miraggio irraggiungibile, destinato a disfarsi tra i riverberi ogni volta che sembrava di toccarlo. Ma adesso c’era, nel cuore di una città solo annusata, solo intravista fra un respiro e l’altro. Sentiva che il frastuono lo assordava. Sentiva che le voci lo inseguivano. Si fermò. Virò sott’acqua e tornò indietro. Il giorno dopo anch’io giurai di averlo visto. Era un delfino. Era un miraggio perduto tra i riverberi.

 

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design