• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Qualcuno si è soffermato sul termine ‘virile’? È ormai desueto, non lo usa più nessuno nel timore di ricadere in vecchi e contestati cliché e stereotipi sui generi. Virile è spesso confuso con ‘sexy’ o ‘erotico’, o con l’immagine del maschio-macho, quello che “non deve chiedere mai”.
Sbagliato. L’uomo virile non è un bell’omone forzuto e muscoloso. Un bronzo di Riace, per intenderci, può forse comunicarci virilità per perfezione della mascolinità rappresentata. Quello che contraddistingue la virilità è una forza dell’animo.
La forza dell’uomo virile è quella che risiede nella sua interezza, nella sua consapevolezza e nella sua gentilezza, è una forza rassicurante. È quella del rispetto e dell’eleganza anche nei momenti di crisi, di debolezza, anche quando si sbaglia. Perché non stiamo definendo la perfezione, al contrario cerchiamo la dignità nell’errore.
Qualcuno mi invita a considerare la virilità come virtù dei forti a prescindere dal genere. E sia. Anche donne e omosessuali quindi. Ma è dell’uomo, in quanto maschio, questa connotazione controversa e spesso mistificata.
Molti gli uomini sul mio cammino fino a qui, pochissimi i virili.
Mi guardo intorno e, infatti, non c’è virilità nei maltrattamenti, e neppure nell’arroganza. E nemmeno – sia ben chiaro! – è virile chi vanta un gran numero di donne conquistate e la facilità con cui se le è portate a letto.
Figuriamoci, gli uomini di potere.
E non si illudano i narcisi compiaciuti dal proprio ego, gli intellettuali più o meno brillanti, gli affabulatori, gli spiritosi sempre pronti a mettersi al centro della conversazione o a insegnarti a stare al mondo. Men che meno i cosiddetti mascalzoni e quelli che si defilano perché sciatti nei sentimenti e nelle attenzioni, banderuole esposte al vento. Per non parlare di chi usa scherno e sarcasmo, o tono paternalistico, svelando malcelati sentimenti di invidia e frustrazione o, addirittura, di competizione.
Non c’è virilità nella codardia, né nella disattenzione. Non è virile la slealtà, e neppure lo è la volgarità. Virile è l’uomo che sbaglia e chiede scusa. È virile chi sa prendere una decisione dolorosa senza calpestare, prevaricare o trascendere. Virile è chi ama e combatte con costanza e determinazione, ma anche chi abbandona senza umiliare.
Spesso mi vergogno per gli uomini incapaci di virilità.

 

Commenta su Facebook!

Dieci passi in Ellerì
Prevenzione del tumore al seno: il mio nastro rosa
Il quindi che ammazza

Il quindi che ammazza

scritto da Gabriella De Bartolomeo

A mia insaputa
Autunno a Milano

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design