• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Mi raccomando. se vi capita di ammalarvi fatelo con una patologia famosa. e possibilmente redditizia per la case farmaceutiche. se no rassegnatevi a girovagare per la rete a caccia d’informazioni. o sperare nel passaparola. o a fare le cavie da laboratorio. o alla fine, arrangiatevi.
lo capite o no che non potete permettervi di fare sempre gli originali?
nell’ordine: ci metterete minimo un anno per dare un nome alla vostra patologia, sempre che abbiate voglia, mentre già state da cani, di cercare, chiedere, bussare a porte chiuse. poi, quando e se lo scoprirete, sarete assaliti da un’angoscia che non vi farà certo tanto bene, realizzando che non avete punti di riferimento e che persino il vostro medico vi dice, cos’è quella roba? qualcuno, prima o poi ma sempre, statene certi, vi dirà che il vostro è un problema psicosomatico e buongiorno buonasera.
allora voi, che avete già lo scibile in tasca e leggete che anche in brasile e in egitto da anni sanno che non siete matti e hanno battezzato la maledetta, vi lanciate a testa bassa in un pellegrinaggio senza fine, passando da un barone della medicina all’altro, e nel frattempo constatate che la nobiltà non te la danno allegata alla laurea.
punzecchiati, tagliuzzati, scannerizzati, fatti a fette e depauperati da visite di mezz’ora pagate dieci euro al minuto, iniziate a rivolgervi all’alternativo. che non è quel casinaro che sta al piano di sopra. mica. qui si tratta di trasformarsi in bambolotti vudù infilzati da spilloni cinesi, ingurgitare marmellate ayurvediche dall’aspetto equivoco, farsi torcere e spremere e manipolare come nel minipimer dal massaggiatore new age. se a questo punto non siete ancora guariti dallo sfinimento, ricordatevi che c’è sempre la vecchia bottiglia da lanciare nel mare, i segnali di fumo, il tam tam. e non scherzo. condivisione, comunicazione, confronto, il www è anche questo.
un posto dove, con un minimo di attenzione, si può arrivare all’isola che non c’è.
ma le cordate, la solidarietà e l’aiuto reciproco ci sono, credetemi.
a chilometri zero e low cost.
io ho camminato sul filo, con il vuoto sotto, ma non ho perso l’equilibrio, sapendo che la rete c’era.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design