• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Si dice che molti italiani – sembra alcuni milioni – decidano se votare e per chi solo all’ultimo momento. Non so quanto sia vero, ma sono propenso a credere che, nella circostanza, anche il più svagato dei miei concittadini impieghi un po’ di tempo (diciamo un quarto d’ora).
E’ vero che con ogni probabilità (quasi con certezza) le elezioni di domenica prossima non diranno una parola decisiva sul futuro governo; è chiaro da quando è stata archiviata la legge elettorale (la chiamavano Italicum) che prevedeva il ballottaggio, dopo il quale – come il tie break a tennis o i rigori nel calcio – un vincitore c’è.Tanti ipocriti che consideravano liberticida quella legge, oggi lamentano che dal voto non uscirà l’indicazione precisa di un governo; sono, per l’appunto, ipocriti a cui piace prenderci per i fondelli.
Sta di fatto, comunque, che domenica prossima dalle urne non uscirà un governo; ed è molto difficile anche che esca una maggioranza. La “coalizione di centro-destra”, l’unica che i sondaggi dicono potrebbe avvicinarsi all’obiettivo, è profondamente divisa sia sulla leadership sia sulla sostanza (l’Europa); è poco verosimile che possa esprimere un governo dotato di un minimo di coesione e coerenza.
Tutto ciò detto, il voto del 4 marzo è, però, tutt’altro che inutile; ne usciranno indicazioni di grande importanza e che produrranno effetti a lungo. In ordine:
1 – M5S, Lega e FdI hanno dure posizioni polemiche contro l’Europa, e le espongono anche nei loro programmi elettorali. Stando, ancora, ai sondaggi queste tre liste raccoglierebbero quasi la metà dei voti che saranno espressi; con l’aggiunta degli “euroscettici” ed “europolemici” presenti anche in LeU, domenica notte potremmo trovarci con la maggioranza dei votanti in Italia che hanno girato le spalle all’Europa.
Al di là delle conseguenze che un pronunciamento del genere avrebbe nei nostri affari domestici, pensate che non ci sarebbero reazioni (diffidenza, allarme, prese di distanza) al di fuori dei nostri confini, fra i partner dell’Unione e oltre?
2 – Nel resto d’Europa le due destre, l’una sovranista xenofoba, antieuropeista, l’altra europeista e moderata, sono in dura competizione. Solo in Italia queste due destre (Lega e FdI da una parte e Forza Italia dall’altra) si presentano alleate, sebbene le divisioni che le separano non siano inferiori a quelle che si registrano in Francia o in Germania, come dimostra la lotta all’ultimo sangue per il primato che segna la campagna elettorale di Salvini e Berlusconi.
Considerate indifferente l’esito di questo scontro? O non è piuttosto vero che esso inciderà in modo rilevante e duraturo sull’Italia, sui suoi equilibri democratici, sull’efficienza dei suoi governi?
3 – In modo meno ravvicinato ma non meno teso, anche sull’altro fronte c’è una battaglia analoga. A sinistra è avvenuto l’opposto di quel che vediamo a destra: anziché un’alleanza si è verificata una scissione. Ma anche nel caso della sinistra il voto darà una indicazione importante per il futuro.
In Italia si consoliderà – intorno al PD – una sinistra di governo capace di far vivere una produttiva competizione democratica con la destra per la guida del Paese, o prenderà il sopravvento una deriva che produce estremismo e, nello stesso tempo, frammentazione?
Il voto di domenica prossima fornirà risposte a ciascuna di queste domande. Sono domande che non interessano, una per volta, solo chi si colloca a destra o a sinistra; tutte, invece, interessano tutti. Perché non è indifferente per nessuno di noi se a competere per il governo d’Italia ci sono una destra e una sinistra civili e ragionevoli o – al contrario – demagogiche e inaffidabili.
Come non è indifferente per nessuno se l’Italia sarà, nei prossimi anni, ben inserita nell’Europa o – al contrario – se ne allontanerà o ne verrà allontanata.

Ecco: tre domande alle quali si può dare risposta in tre minuti. Spero, così, di avervi fatto un piccolo servizio quando vorrete decidere se andare a votare e per chi; e, perfino, di avervi fatto guadagnare un po’ di tempo.

Commenta su Facebook!

Dieci passi in Ellerì
Usare le mani
Le visioni della Vie d’Adèle

Le visioni della Vie d’Adèle

scritto da Valeria Viganò, Giovanna Nuvoletti

Uomini e peli
Jimmy’s hall
La nebbia

La nebbia

scritto da M. Galatea Vaglio

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design