• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Narrativa nella categoria Storia

Archivi per la Categoria: Storia

Mamma, papà, mi racconti una storia? Chi non ha fatto questa domanda, chi non ha sentito più avanti, farsela? Storia, in quella domanda, non distingue fra immaginazione e realtà; ai primordi la distinzione infatti non esiste, pensiamo ai miti. L’importante, nella domanda del bambino, è che il racconto sia ricco, sorprendente, ben recitato. Poi la distinzione si chiarisce e si afferma: la Storia diventa racconto di eventi accaduti e ricostruibili, Ma anche questo racconto è più coinvolgente, più carico di significato se è detto bene, con parole esatte e ritmo accattivante. Anche per raccontare la Storia, la buona scrittura è importante.

Quella stazione del Metro
Se a Parigi vi capita di passare nel XVII arrondissement, dietro Montmartre, accanto al verde del cimitero omonimo, tra le grandi Avenues di St.Ouen e di Clichy, non mancate di sostare presso la stazi Leggi
Il padre del Duce
Alessandro Mussolini ( Predappio, 11 novembre 1854 – Forlì, 19 novembre 1910) fu socialista rivoluzionario con accento patriottico. Era un fabbro. Ebbe notevole influenza su suo figlio Benito che f Leggi
Elezioni a marzo

Elezioni a marzo

scritto da Siegmund Ginzberg

L'autore ci ha inviato il testo che pubblichiamo accompagnato da questo commento: "Ora capisco, guardando questa puntata di l’eredità perché nessun giornale, ad eccezione de Il Foglio,  ha volut Leggi
Resistenza in piazza Szabadság (Libertà in ungherese)
Secondo i dati dello Yad Vashem e dello United States Holocaust Memorial Museum, dei quasi 825mila ebrei residenti in Ungheria prima dell'inizio della seconda guerra mondiale 568mila perirono nella Sh Leggi
Ricordi d’Ungheria

Ricordi d’Ungheria

scritto da Andrea Rényi

Fin da piccola io lo sapevo, della libreria e piccola casa editrice, al primo piano di un palazzo ottocentesco, nella centrale via Kossuth di Budapest. L'antichissimo esercizio, di fronte all'hotel A Leggi
Hannah, un’ebrea ungherese

Hannah, un’ebrea ungherese

scritto da Andrea Rényi

Mio Dio, mio Dio fa che non abbiano mai fine la sabbia e il mare, il mormorio dell'acqua, il luccichio del cielo, la preghiera degli uomini, la sabbia e il mare, il mormorio dell'acqua, Leggi
Febbre all’alba

Febbre all’alba

scritto da Andrea Rényi

Ho avuto il privilegio di tradurre diversi titoli di narrativa ungherese ebraica, quasi tutti direttamente o indirettamente attinenti all'Olocausto: il magnifico Azarel di Károly Pap (Fazi) perché l Leggi
Sára Salkaházi e il suo eroismo

Sára Salkaházi e il suo eroismo

scritto da Andrea Rényi

Sára Salkaházi nacque a Kassa l'11 maggio 1899 in una famiglia borghese. Da giovane svolse molti lavori, incluso quello di rilegatrice, di reporter e editrice di quotidiani. Si fidanzò pure, ma las Leggi
Il mistero Mattei ha cinquantacinque anni
Cinquantacinque anni fa, una copertina indimenticabile di Walter Molino illustrava la tragedia appena consumatasi nel cielo sopra Bascapè, paese senza particolari qualità del pavese diventato, impro Leggi
Acua
Erano le 22,39 del 9 ottobre 1963 Non c’è un ottobre che non vada a trovarla. Ma non nel giorno in cui successe. Quel giorno la Jole se ne sta chiusa in casa, e non vuol vedere nessuno. Sembra Leggi
  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design