• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

La narrativa di Franco Gaddoni

Quant’altro, non ti sopporto
  Quant'altro non lo sopporto. Già sono sempre stato infastidito da eccetera e e così via, espressioni che implicavano da parte mia uno sforzo mentale per immaginare cosa diavolo ci fosse dopo; ma quant'altro lo trovo pure brutto, quasi odioso. Quant'altro cosa? D'accordo, lo si dovrebbe evincere dal contesto, ma ne siamo poi sicuri? «Mangeremo antipasti, tagliolini allo scoglio, grigliatina e quant'altro». Cosa? Un frittino? Cozze alla tarantina? Il sorbetto? E dimmelo, LEGGI
Pettegolezzo criminale
  Sono tutti programmi di gran successo e splendido share; raccontano di delitti veri, sempre efferatissimi, si immergono nella cronaca nerissima e ci sguazzano con l'agilità di un pesce baleno. Interviste a parenti, reportage, indagini condotte in proprio, reperimento di testimonianze esclusive, dall'amica al panettiere, al vicino che-mi-pareva-una-così-brava-persona, fino al gatto di casa, con apposito interprete miagolio-italiano. E poi, accanto agli acuti e addolorati conduttori, LEGGI
Uccelli
«Ciao, Falco.» «Ehi, Colomba, come va?» «Come vuoi che vada. Lo vedi anche tu come siamo ridotti. Se penso che di me si parlava per la faccenda di Noè e della fine del diluvio, e soprattutto per la pace!» «E io che devo dire, allora? Il fiero rapace, veloce, astuto, re della caccia?» «Ma ti rendi conto, Falco, che l’altro giorno ho incontrato uno stormo di rondini che migravano e che in coro mi hanno urlato Ci vediamo in primavera, Cicchittona bella!» «E ti è andata pure ben LEGGI
L’autista
«Ah, però, mica te li davo! Ma lo sai che li porti bene?» Già, pensi tu, però li porto. Ma dove li porti, tutti questi anni? Tu sei l’autista, loro i passeggeri. Prima ti trovi a guidare una moto, poi un’auto, un pulmino, infine un autobus; un lungo autobus che, se il tuo mestiere va avanti, può pure diventare a due piani. Solitamente il viaggio è lo stesso, tutti i giorni. Ma capita anche di andare lontano, città nuove, paesi nuovi, il mare. Loro ti seguono sempre, si fidano di te LEGGI
La prova del vuoto
Riempiamo d’acqua la pentola e mettiamola sul fuoco. Fatto? Bene. Ora, in una padella antiaderente e ampia un filo d’olio d’oliva extravergine con uno spicchio d’aglio in camicia. Non c’è olio? Fa niente; una noce di burro. Neppure? Ah, neanche l’aglio. Beh, nessun problema. Prendiamo direttamente il nostro pesce: vongole veraci, seppioline, moscardini, gamberi, mitili, e quel po’ di ricciola, li mett...come? Niente pesce? La pescheria chiusa dall’Asl? Apperò! Va benissimo ugu LEGGI
Eccezioni
Una mosca bianca e una pecora nera si incontrarono. «Salve, pecora nera, a quanto pare siamo due eccezioni.» «Ciao, mosca bianca. Eh, lo so bene, ma con una bella differenza, purtroppo!» «E quale?» «Tu sei un’eccezione positiva, io negativa. La mosca bianca è un’eccellenza rara, la pecora nera, invece...» «Non è come dici, prova a pensarci: prendi ad esempio la politica. Un politico onesto, per la gente, è una mosca bianca, giusto?» «Giusto... Quindi mi dai ragione.» « LEGGI
Participi
Se il participio passato di vendere è venduto, immagino che quello di tendere sia tenduto. Invece no. Se quello di morire è morto, immagino che quello di guarire sia guarto. Invece no. I participi passati sono bambini dispettosi e giocherelloni. D'altra parte, se sorto viene da sorgere e porto da porgere, posso pensare che orto venga da orgere. Invece no, viene dalla terra e dai semi. La lingua italiana è imprevedibile, come coloro che la parlano per nascita. A proposito, ora che ci p LEGGI
Valverde, 30 settembre
La spiaggia nazional popolare scivola nell'autunno lenta come una goccia di pioggia su di un vetro. Gli ombrelloni si diradano, lasciando vuoti random, come denti da latte. I lettini si accatastano, dopo che il lavaggio a pressione li ha liberati da residui di sabbia minerale e umana. Resta al suo posto solo quello di Sanzio, il primo a togliersi i pantaloni ad aprile, l'ultimo a rimetterli a fine settembre; lui, il vero orologio della stagione balneare del mio mare romagnolo. I bagnini sono LEGGI

Pubblicità

  • La tua pubblicità su LRI !
  • La tua pubblicità su LRI !

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design