• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

La narrativa di Giorgio Cavagnaro

2018 Febbre a 40
Il finale mesto e torvo di questo 2017, avaro come pochi di novità positive per il mondo intero, suggerisce alcune riflessioni intorno alla politichetta nostrana. Niente di eclatante, come si può immaginare, ma vale la pena tornare su alcuni argomenti chiave. Una discussione virtuale (i socialnetwork a qualcosa servono, dopotutto) mi ha aiutato a dar forma ad un tarlo che da tempo si aggirava nella mia testa: il concetto di “casa” in politica. Un amico mi esternava i propri dubbi sul fatt LEGGI
Un parto difficile. Racconto di Natale
La piccola scuola elementare delle monache tedesche traboccava, già da varie settimane, di spirito natalizio. Tutti gli argomenti didattici erano accantonati e dalle classi piene di bambini in grembiulino bianco si sentivano uscire cori angelici, sapientemente orchestrati da suore, loro rigorosamente in nero, in grado di far cantare “O Tannenbaum” a decine di cuccioli italiani che nemmeno si chiedevano quali parole stessero, angelicamente, gridando a squarciagola in una lingua incomprensibi LEGGI
Tina, la pantera
La violenza sulle donne è un tema tra i più attuali. E accade anche a donne che paiono autonome, felici, importanti, fortunate. La storia che mi va di raccontare, per l’occasione, viene da lontano. Anna Mae Bullock nasce a Nutbush, strano non luogo del Tennessee, alla fine degli anni trenta. Ancora ragazzina, canta e balla così bene che il già affermato musicista Ike Turner non solo la vuole con sé in duo, ma se la sposa ipso facto. Ed ecco splendere Tina, la pantera del funky-rock, una LEGGI
Il futuro è già qui: The square
Benvenuti al cinema, signori. Accomodatevi sulla poltrona e accingetevi a vivere il viaggio straniante, stralunato, inquietante di “The Square”. O forse sarebbe meglio dire che il giovane regista svedese Ostlund, vincitore della Palma d’oro di Cannes con questo film, ci attira subdolamente, fin dalle prime inquadrature, in un’avventura sempre una riga sopra al limite della normalità. In una Stoccolma opulenta ma immacolata e minimale come un museo moderno, dove anche i poveri e gli imm LEGGI
Il Sistema
C’è una parola che mi ossessiona, ormai da innumerevoli anni. La parola è “sistema”. Fin dall’adolescenza, ha sempre rivestito, nella mia percezione, un’aura decisamente negativa. Il sistema era qualcosa di coercitivo, una giacca troppo attillata, una camera dal soffitto basso e le pareti strette, quasi soffocanti. Una ripetizione meccanica di regole non scritte ma immutabili, asfissianti, noiose, assillanti. Insomma, qualcosa da abbattere prima possibile, prima che esso, il sistema LEGGI
Morti
Da qualche tempo un dubbio mi dilania e, ad essere sinceri, forse è da sempre che ci penso: meglio la sepoltura o la cremazione? Argomento lugubre, certo. Ma chi può dire di non averci mai riflettuto sopra almeno una volta? Dunque si tratta di una faccenda che ci riguarda tutti, eccome. Mio padre riposa al cimitero romano del Verano, in una bara tradizionale, mentre mia madre sta lì, accanto a lui ma chiusa nella sua urna. Mai d’accordo, fino all’ultimo, bisogna dire. Perché in effetti LEGGI
Il mistero Mattei ha cinquantacinque anni
Cinquantacinque anni fa, una copertina indimenticabile di Walter Molino illustrava la tragedia appena consumatasi nel cielo sopra Bascapè, paese senza particolari qualità del pavese diventato, improvvisamente, uno dei più inquietanti e misteriosi della storia moderna d’Italia. In quel cielo denso di pioggia, il 27 ottobre 1962, il piccolo aereo che riportava a casa, di ritorno da un viaggio di lavoro in Sicilia Enrico Mattei, ex partigiano, presidente dell’ENI, inventore del petrolio ita LEGGI
Blade Runner 2049 La delusione.
E timbratelo pure, il cartellino di Blade Runner 2049. Non saranno comunque soldi buttati, perché lo sforzo produttivo c’è tutto, dagli sceneggiatori (che immaginiamo chiusi in stanze fumose per anni, alla ricerca di idee che potessero giustificare l’impresa) agli effetti speciali, al regista ed agli attori, tesi nello sforzo inumano di costruire qualcosa che fosse all’altezza del mito. Naturalmente, era impossibile. Dunque cerchiamo di giudicare questo prodotto per quello che è, senz LEGGI

Pubblicità

  • La tua pubblicità su LRI !
  • La tua pubblicità su LRI !

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design