• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

La narrativa di Giovanna Nuvoletti

Asperger Autismo
Sì, ho la sindrome di Asperger. Faccio parte della larga banda di autistici che sono in grado di leggere, scrivere, far di conto - che magari sono persino molto intelligenti. Ma facciamo ridere, siamo strambi. Facciamo ridere soprattutto un leader politico che ci usa come insulto. Io ho fondato e dirigo questa rivista. Con tutto il mio essere autistica. Io sento odori, sapori, ritmi, percezioni moltiplicati per mille rispetto alla norma. Io non so dire bugie. Ecco cosa dice delle persone come LEGGI
Come e perché ho ripreso a leggere quotidiani
Avevo smesso. Tanto davano tutti contro il PD. Diffondevano con i megafoni le risibili bufale del web. E allora, le bufale, me le leggevo direttamente sul web, a caratteri ingranditi a +200 a misura di vecchia cecata. Adesso che, dopo l’operazione di cataratta, li posso leggere, i principali e storici quotidiani, scopro di aver qualcosa da imparare. Anche se non sono certo perfetti. Primo: i giornalisti professionisti scrivono meglio dei troll sovvenzionati da Casaleggio e associati Secondo: LEGGI
Quando sarò
Quando sarò morta mi mancherà la luce ma forse anche il buio. Avrò nostalgia della bellezza ma forse anche dell'immondizia sparsa intorno ai cassonetti. Mi mancherà tutto, mi mancherà mancare. E non avrò nemmeno nostalgia. LEGGI
Ebrea è la sete insaziabile, la rabdomanzia di nessi
I cento punti del libro appartengono tutti a Anna Segre. Il suo libro non è un manualetto di ebraismo, né per ebrei, né per non ebrei. Non avvicina e non allontana. Parla di Anna, e di come se la vive, lei che è laica, lesbica, figlia di madre convertita. E insieme è come un concentrato di ebraicità acuta, potente, intensissima. Sintetizzato da una mente unica. Anna. E, lo stesso, sono cento punti che toccano chiunque li legga. Chiunque. Perché ognuna di noi ha la sua ebrea, dentro. Bast LEGGI
La mia casella non c’è nei sondaggi
Anche se da me non vengono mai, ebbene sì, se arrivasse un sondaggista a chiedermi cosa voterò, risponderei un tondo “non so”. Non so, perché ignoro quale offerta si presenterà a me quando ci saranno - sempre che l’attuale governo non le abolisca - le prossime elezioni. Dipende. Sceglierò l’opzione che farà più male all’attuale governo, e più bene all’Italia che è la mia patria, e che amo, e da cui non posso scappare, perché ho troppi anni (76), troppo pochi soldi, tropp LEGGI
Genova e lacrime
"Genova e lacrime. Ma sul web e in tv non leggo e sento altro che bugie, calunnie, bufale, accuse perentorie e minacciose poi ritirate. Una babele dissennata, dove il ruolo da protagonista lo sta svolgendo il governo in carica - una follia piena di un veleno, che circola ugualmente mortale, anche dopo ogni prova in contrario dimostrata, ogni smentita da parte degli stessi che l’hanno messa in circolazione. Sto scrivendo parole inutili, svelando ovvie verità che chi si è informato conosce gi LEGGI
Per il compleanno di Primo Levi
Il 31 luglio è il compleanno di Primo Levi, e, oggi, preferisco ricordarlo con un sorriso che con le lacrime. Un giorno, molti anni fa, fui mandata per un reportage fotografico a una conferenza, lui protagonista. Era il mio lavoro. Andai con la mia Nikon e il mio bel tele da 200. Forse lo sapete anche voi, a volte gli obiettivi delle macchine fotografiche sanno leggere le anime, dentro, se solo si sta un po' attenti. E io attentissima lo ero, e piena di ammirazione e amore, per un grande ital LEGGI
Attenti C’è una nonna sul web
Da grande voglio fare l’ottantenne. Lo ripeto spesso, civettuola. Non è che abbia una gran scelta. Ho 75 anni, infatti. Però da un bel po' di tempo la prospettiva di una libera, petulante, dispettosa vecchiaia mi sorride. Perché noi anziani siamo proprio come voi giovani: non abbiamo lavoro, non contiamo una cippa e abbiamo un sacco di tempo da perdere. Occasione vantaggiosissima per scoprire come funziona davvero il mondo, e dove sta andando. Sul web. Nonostante l’età, il mio computer LEGGI

Biografia

Giovanna Nuvoletti

Sono nata nel 1942, a Milano. In gioventù ho fatto foto per il Mondo e L’Espresso, che allora erano grandi, in bianco e nero, e attenti alla qualità delle immagini che pubblicavano. Facevo reportage, cercavo immagini serie, impegnate. Mi piaceva, ma i miei tre figli erano piccoli e potevo lavorare poco. Imparavo. Più avanti, quando i ragazzi sono stati più grandi, ho fotografato per vivere. Non ero felice di lavorare in pubblicità e beauty, dove producevo immagini commerciali, senza creatività; ma me la sono cavata. Ogni tanto, per me stessa e pochi clienti speciali, scattavo qualche foto che valeva la pena. Alla fine degli anni ’80 ho cambiato mestiere e sono diventata giornalista. Scrivevo di costume, società e divulgazione scientifica, per diversi periodici. Mi divertivo, mi impegnavo e guadagnavo bene. Ho anche fondato con soci un posto dove si faceva cultura, si beveva bene e si mangiava semplice: il circolo Pietrasanta, a Milano. Poi, credo fosse il 1999, mi è venuta una “piccolissima invalidità” di cui non ho voglia di parlare. Sono rimasta chiusa in casa per quattro/cinque anni, leggendo due libri al giorno. Nel 2005, mi sono ributtata nella vita come potevo: ho trovato un genio adorabile che mi ha insegnato a usare internet. Due giovani amici mi hanno costretta a iscrivermi a FB. Ho pubblicato due romanzi con Fazi, "Dove i gamberi d’acqua dolce non nuotano più" nel 2007 e "L’era del cinghiale rosso" nel 2008, e un ebook con RCS, "Piccolo Manuale di Misoginia" nel 2014. Nel 2011 ho fondato la Rivista che state leggendo, dove dirigo la parte artistico letteraria e dove, finalmente, unisco scrittura e fotografia, nel modo che piace a me.

giovannanuvoletti@gmail.com

Pubblicità

  • La tua pubblicità su LRI !
  • La tua pubblicità su LRI !

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design