• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

La narrativa di Giovanna Nuvoletti

La mia casella non c’è nei sondaggi
Anche se da me non vengono mai, ebbene sì, se arrivasse un sondaggista a chiedermi cosa voterò, risponderei un tondo “non so”. Non so, perché ignoro quale offerta si presenterà a me quando ci saranno - sempre che l’attuale governo non le abolisca - le prossime elezioni. Dipende. Sceglierò l’opzione che farà più male all’attuale governo, e più bene all’Italia che è la mia patria, e che amo, e da cui non posso scappare, perché ho troppi anni (76), troppo pochi soldi, tropp LEGGI
Genova e lacrime
"Genova e lacrime. Ma sul web e in tv non leggo e sento altro che bugie, calunnie, bufale, accuse perentorie e minacciose poi ritirate. Una babele dissennata, dove il ruolo da protagonista lo sta svolgendo il governo in carica - una follia piena di un veleno, che circola ugualmente mortale, anche dopo ogni prova in contrario dimostrata, ogni smentita da parte degli stessi che l’hanno messa in circolazione. Sto scrivendo parole inutili, svelando ovvie verità che chi si è informato conosce gi LEGGI
Per il compleanno di Primo Levi
Il 31 luglio è il compleanno di Primo Levi, e, oggi, preferisco ricordarlo con un sorriso che con le lacrime. Un giorno, molti anni fa, fui mandata per un reportage fotografico a una conferenza, lui protagonista. Era il mio lavoro. Andai con la mia Nikon e il mio bel tele da 200. Forse lo sapete anche voi, a volte gli obiettivi delle macchine fotografiche sanno leggere le anime, dentro, se solo si sta un po' attenti. E io attentissima lo ero, e piena di ammirazione e amore, per un grande ital LEGGI
Attenti C’è una nonna sul web
Da grande voglio fare l’ottantenne. Lo ripeto spesso, civettuola. Non è che abbia una gran scelta. Ho 75 anni, infatti. Però da un bel po' di tempo la prospettiva di una libera, petulante, dispettosa vecchiaia mi sorride. Perché noi anziani siamo proprio come voi giovani: non abbiamo lavoro, non contiamo una cippa e abbiamo un sacco di tempo da perdere. Occasione vantaggiosissima per scoprire come funziona davvero il mondo, e dove sta andando. Sul web. Nonostante l’età, il mio computer LEGGI
La liberal pezzent
Non sono una radical chic. Anche se molti mi prendono per tale, chissà perché. Diciamocelo: mi piacciono poco e non piaccio loro, anzi, mi evitano come la peste. Gli abbasso il target. Primo: non sono sinistrissima da yacht, né cinquastella anticonformista in delirio - ma solo di sinistra molto moderata, inoltre: non sono ricca, ma di un banale ceto medio. Una volta possedetti un Rolex, d’acciaio, me lo aveva regalato un fidanzato, che l’aveva ricevuto per la prima comunione - ho i pols LEGGI
Maturità
Oggi agli esami di maturità c'è stata la prova di italiano scritto. Ho immaginato lo svolgimento di quei ragazzi bulli, che picchiano i professori, e i cui genitori fanno lo stesso 1) Analisi del testo: proposto un brano da Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani. Svolgimento "ma che palle sempre co sti ebbrei" 2) Saggio breve – Ambito artistico-letterario: "La solitudine" con quadri di Edward Hopper, Giovanni Fattori e Edward Munch, e testi di Francesco Petrarca, Emily Dick LEGGI
Tutta colpa di Renzi
Antipatico, arrogante, smorfioso e col collo corto. Sì, Renzi è così. E quindi quasi tutti lo odiano. Deve essere un mostro, visto da vicino e frequentato. Uno che ti tratta come una pezza da piedi anche se hai cinque lauree. Uno che non ti caga neanche di striscio, e neanche ti ascolta se gli parli. Dicono che se ci lavori insieme non lo sopporti. Per fortuna non lo conosco affatto, oltre al resto ha anche brutti nei in faccia, un naso da lepre, e una bocchetta striminzita che neanche Trump. LEGGI
La mia notte
apri una finestra sulla tua notte “mai più” senti è il grido dell’assiolo nascosto è il chiù. Tutto il vissuto è perso occhi bambini corse folli sesso la velocità della motocicletta Honda La neve, le case di legno - le lunghe cabine bianche per sempre sul mare, le tende - e la città, Milano, che sapeva diventare paese di colpo. Mai più. Ho qui fotografie a testimoniarlo, anche scattate da me, guardate, c’erano, erano veri e fieri persino i dolori. LEGGI

Biografia

Giovanna Nuvoletti

Sono nata nel 1942, a Milano. In gioventù ho fatto foto per il Mondo e L’Espresso, che allora erano grandi, in bianco e nero, e attenti alla qualità delle immagini che pubblicavano. Facevo reportage, cercavo immagini serie, impegnate. Mi piaceva, ma i miei tre figli erano piccoli e potevo lavorare poco. Imparavo. Più avanti, quando i ragazzi sono stati più grandi, ho fotografato per vivere. Non ero felice di lavorare in pubblicità e beauty, dove producevo immagini commerciali, senza creatività; ma me la sono cavata. Ogni tanto, per me stessa e pochi clienti speciali, scattavo qualche foto che valeva la pena. Alla fine degli anni ’80 ho cambiato mestiere e sono diventata giornalista. Scrivevo di costume, società e divulgazione scientifica, per diversi periodici. Mi divertivo, mi impegnavo e guadagnavo bene. Ho anche fondato con soci un posto dove si faceva cultura, si beveva bene e si mangiava semplice: il circolo Pietrasanta, a Milano. Poi, credo fosse il 1999, mi è venuta una “piccolissima invalidità” di cui non ho voglia di parlare. Sono rimasta chiusa in casa per quattro/cinque anni, leggendo due libri al giorno. Nel 2005, mi sono ributtata nella vita come potevo: ho trovato un genio adorabile che mi ha insegnato a usare internet. Due giovani amici mi hanno costretta a iscrivermi a FB. Ho pubblicato due romanzi con Fazi, "Dove i gamberi d’acqua dolce non nuotano più" nel 2007 e "L’era del cinghiale rosso" nel 2008, e un ebook con RCS, "Piccolo Manuale di Misoginia" nel 2014. Nel 2011 ho fondato la Rivista che state leggendo, dove dirigo la parte artistico letteraria e dove, finalmente, unisco scrittura e fotografia, nel modo che piace a me.

giovannanuvoletti@gmail.com

Pubblicità

  • La tua pubblicità su LRI !
  • La tua pubblicità su LRI !

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design