• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

La narrativa di Valeria Viganò

SONO UN PENDOLARE
Roma caput mundi. E a Roma si va perché è importante, perché offre lavoro. Dai piccoli centri, dalle piccole province si parte la mattina presto, prestissimo per arrivare in tempo all’apertura degli uffici sparsi nella città. Il viaggio non finisce mai, c’è la metropolitana da prendere appena si arriva a Termini, o un autobus: tutt’e due stracolmi. Faccio il pendolare, sono uno di quelli che si sveglia all’alba, fa colazione di corsa, scappa di casa con il cappuccino che balla nello LEGGI
SONO UN IMBRATTATORE INCAZZATO
Non si discute: sono un imbrattatore incazzato. Quando scende la notte, la più fonda, mi preparo. Aspetto che i miei si addormentino, prendo lo zaino e raggiungo gli altri. I motorini sono tutti lì, parcheggiati. Siamo cinque, ognuno ha il suo colore nello zaino, il mio è nero, Marco ha il rosso, Carmine il verde, Marietto l’argento e Remo il blu. Abbiamo la felpa con il cappuccio, che si tira su al momento giusto, che Roma è tutta una telecamera a circuito chiuso, e poi ti riconoscono e f LEGGI
SONO UNA PENSIONATA
Mi presento: sono una pensionata in una grande città. Ho settantanni, nella mia vita ho sempre pensato, nel senso che la mia mente è stata viva. Dopo una vita spesa a lavorare a crescere i figli, ora lontani, ho tempo. A me la mattina piace passeggiare, sedermi sulla panchina Angela e leggere il giornale Giorgio, quello gratis perché non posso permettermi un giornale vero. Vado al parco Felice del mio quartiere, anche d’inverno, è la mia ora d’aria. Guardo passare donne con le carrozzine LEGGI
Male
Male. Male. Il pugno improvviso mi ha spaccato le labbra, sputo pezzi di denti. Ingoio sangue e capelli. Ascolto gli schifosi insulti. Sento il peso addosso, non respiro. Allungo le braccia, “Vi prego, vi prego”. La mano mi tappa la bocca, la mano mi schiaccia il seno, la mano strappa le mutandine. E’ buio, non vedo niente. La mia schiena conficcata nelle radici di un cespuglio, il rumore delle automobili lontano. Ho il sapore del vomito, la puzza del suo sudore, l’odore di abiti sporchi LEGGI
Nuovi lavori Il parcheggiatore per conto terzi
Una volta quando ero giovane sono stato a New York. E ho scoperto il valet. Roba da ricchi: si pianta la macchina in mezzo alla strada e arriva il valet, l’angelo custode che parcheggia la tua auto al posto tuo in un apposito e custodito garage. Poi me ne sono dimenticato. Adesso che sono di una certa età, e mi hanno detto che sono superfluo, inutile e dannoso, un impedimento e non una risorsa, un ostacolo e non un’opportunità nell’azienda chimica dove ho trascorso il maggior numero di LEGGI
Incontri all’angolo di un mattino – Lia Migale
Provare a riscrivere la Storia di anni belli, di lotta e cambiamento, di rivoluzione e partecipazione, da dentro: con un romanzo autobiografico ma dai tratti universali, Lia Migale ripercorre il mutamento straordinario che agisce sulla società italiana prima, durante e dopo il 1968, spartiacque tra un mondo ancora chiuso e convenzionale e nuovi linguaggi, relazioni e consapevolezze. Occorre partire da anni giovanili e di provincia, da Teramo dove l’autrice è nata e vissuta, per rendersi cont LEGGI
La donna elettrica
L’Islanda, si sa, è un paese molto speciale, estremo nei paesaggi, abitato da esseri umani essenziali fino alla rudezza ma contemporaneamente consapevoli e gentili. Un paese con il più alto tasso di lettura europeo, aperto a tutte le nuove tecnologie ma profondamente ancorato alla propria terra e alle tradizioni. Un ossimoro vivente risolto all’insegna della democrazia, della parità dei sessi e dell’etica. In Islanda ci sono ottimi scrittori, ottimi musicisti, ottimi registi. Il cinema LEGGI
La vita dei cucù
Trasliamo il titolo: cosa fanno i trentenni nelle ore della loro vita precaria, frustrata e senza futuro? In fondo è questa la grande questione che attanaglia i personaggi di questo libro, in primis lei, Clem, mente fervida e pigra, ironica e sconsolata che, imprigionata in un lavoro dagli orari canonici e vessata da una capa esigente e autoriferita, cerca di farsi venire un’idea. L’idea. La grande idea che possa cambiare la sua vita e quella dei suoi più cari amici: sono solo quattro. N LEGGI

Biografia

Valeria Viganò

Nata a Milano nel 1955, vive tra Roma e Capalbio. Scrittrice e giornalista, docente di scrittura creativa. ha pubblicato Il tennis nel bosco (Theoria ), Prove di vite separate (Rizzoli ), L’ora preferita della sera (Feltrinelli), Il piroscafo olandese (Feltrinelli), Siamo state a Kirkjubaerklaustur (Neri Pozza) La Scomparsa dell’Alfabeto ( Nottetempo). Ha scritto per il teatro e la radio. E’ consulente editoriale e traduttrice. Chief Editor LRI.

valeviga55ZZ@gmail.com

Pubblicità

  • La tua pubblicità su LRI !
  • La tua pubblicità su LRI !

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design