• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

“Articolo21″ – benemerita associazione che si batte per la libertà di informazione – ha avviato una sacrosanta campagna affinché le prossime “nomine” Rai e Agcom avvengano nella trasparenza. Il leader di “articolo 21” Beppe Giulietti, sul sito dell’associazione ha proposto una serie di candidature: tutti nomi degnissimi.
Ho rivolto a Beppe, vecchio amico e collega, il consiglio di considerare solo AUTOcandidature. Le candidature, infatti, possono obbedire a tatticismi promozionali e propagandistici, o prestarsi a “favori incrociati”, ad attestati di amicizia più o meno sinceri. L’autocandidatura, invece, coinvolge solo la responsabilità di chi la avanza, non si addobba con sponsorizzazioni né si avvale di tifoserie. È assolutamente trasparente ma anche lineare, sottratta ad ogni equivoco o sospetto. Se ti autocandidi non puoi dire che non lo sapevi, o che non ti era stato chiesto, come può capitare quando un nome viene messo in circolazione da terzi.
Recentemente la BBC ha aperto un concorso pubblico per scegliere il suo prossimo “capo”. Un concorso pubblico è l’equivalente di un’autocandidatura. Non si partecipa a concorsi presentati da altri; devi metterci la tua faccia e la tua firma. Trasparenza, appunto.
Ho visto, con soddisfazione, che un ragionamento analogo devono aver fatto Carlo Freccero e Michele Santoro i quali hanno avanzato le loro proprie candidature per il vertice Rai. Non si tratta dunque di una idea balzana; si può sostenerla e – forse – c’è qualche possibilità che, col tempo, si realizzi. Con questo intento, ho deciso di avanzare la mia autocandidatura inoltrando alla segreteria di “articolo 21” questo sintetico curriculum:
“Claudio Petruccioli, 71 anni, giornalista professionista in pensione. Dal 1996 al 2001 Presidente della VIII Commissione del Senato, sede legislativa competente per l’intero settore delle telecomunicazioni, tv compresa (l’insieme delle materie su cui l’Agcom esercita il suo intervento); dal 2001 al 2005 Presidente della Commissione parlamentare di vigilanza sui servizi radiotelevisivi; dal 2005 al 2009 Presidente del Consiglio di amministrazione della Rai. Non svolge attualmente nessuna attività, non ha nessun incarico, non è dunque portatore di alcun conflitto d’interesse.
Sulla base di questi titoli il proponente ritiene di poter concorrere alle nomine tanto per la Rai quanto per l’Agcom. La presente autocandidatura è avanzata anche al fine di ricordare che le funzioni Rai e Agcom per le quali si deve procedere a rinnovi richiedono specifiche conoscenze, competenze ed esperienze di cui non sempre dispongono personalità pur famosissime ed eminenti per altri meriti e capacità”.
Nel nome della trasparenza e della responsabilità ne metto al corrente gli amici di Elleri, nel caso fossero loro a rilevare un qualche conflitto di interesse fra la mia decisione e la collaborazione a questo webmagazine.

Commenta su Facebook!

Dieci passi in Ellerì
Il canarino dei minatori
L’onorevole Calderoli scrive alla Signoramonti*

L’onorevole Calderoli scrive alla Signoramonti*

scritto da Andrea Lupi, Paola Guazzo

Gattorosso
Suffragette: in lotta per i diritti di tutte le donne

Suffragette: in lotta per i diritti di tutte le donne

scritto da Andreina Swich e Costanza Firrao

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design