• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Il mare è calmo, l’acqua ha tutto il tepore dell’estate. Mi preparo a un’immersione profonda e non ho pensieri. Le mie braccia sono calde e pesanti. La fronte è fresca, il cuore batte forte. Respiro lento e l’aria mi invade. Raggi di sole si perdono verso il profondo. Sarò sale nel sale, acqua nell’acqua, come il giorno che nacqui. Un gesto come un passo di danza a testa in giù. Affondo. Stringo il naso, mando aria ai timpani e nella maschera per compensare la pressione. Un tocco di caviglie, e vado. Il mio torace perde volume, la velocità aumenta. Sono al primo strato di acqua fredda, il neoprene mi protegge. Piccoli scricchiolii e i timpani sono in equilibrio. Scendo ancora. Sento il sangue affluire in petto. L’acqua ora è davvero fredda. Continuo per inerzia. Un altro lieve colpo di pinne, e vado giù veloce. L’ultimo tocco ai timpani, prolungato ed accorto. Apro gli occhi: attorno c’è il nulla e l’immenso. Il fondo, la costa, la superficie sono riferimenti troppo lontani. Mi metto alla paracadutista, scendo a foglia morta. Solo in apnea si vola così, senza bombole addosso. C’è solo il blu, e il mio cuore che batte potente e irregolare, tra un colpo e l’altro c’è il tempo sufficiente a godere del suo suono. Appartengo all’immenso. Guardo il profondimetro: ora inizia il ritorno. Un colpo di pinna energico, come uno sbadiglio nel dormiveglia, e le endorfine girano. Ho più di 40 metri d’acqua sulla testa, poca aria, piccole gambe e una suprema forza dentro che me li farà attraversare tutti. Verso il sole. Sono nel freddo, sotto una pressione immane, e ho la sicurezza che non avevo da ragazzo. Sento il sangue defluire dal petto, e l’acqua si fa meno fredda, mentre il diaframma inizia a contrarsi ritmicamente. Recupero aria dalla maschera, in un gesto saggio e misurato. Ora l’acqua è calda, la mia aria riprende volume, salire è più facile. Tra poco, lo so, non servirà più nemmeno faticare, e volerò verso l’alto. Il sole si annuncia nello scintillio di una superficie appena scalfita dal vento. Gli ultimi metri, i più delicati, e altra aria dalla maschera. E’ un attimo: la membrana della superficie si rompe, l’ascensione è finita e sono di nuovo nel sole. Respiro. Il mio cuore parte veloce a cento al minuto, tutto il sangue viene rimesso a posto. Ecco, sono stato felice.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design