• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Tina fa l’agente alla dogana e, nonostante il suo aspetto repellente, è ben voluta presso i colleghi per il suo fiuto infallibile nello scovare sostanze e merci proibite e nell’individuare persone sospette. Il suo è un sesto senso prodigioso: Tina annusa il Male, ogni tipo di Male, con le narici frementi come quelle di un segugio e i denti che digrignano come quelli di un cane selvatico. Ma, al di là di queste strane caratteristiche, è una donna molto controllata, con un alto senso del dovere e delle regole. Fino a quando non conosce Vore, un uomo molto simile a lei sia nell’aspetto fisico che negli impulsi più segreti del suo animo.
Il regista svedese di origine iraniana Ali Abbasi, gira un film bizzarro e inquietante, spesso ripugnante nella crudezza delle scene, eppure intriso di poesia e di rispetto per l’essere vivente (che sia umano o animale) e per l’ambiente in cui uomini e bestie sono ritratti.
Tra Wonder, Elephant Man, La Bella e la Bestia (anche se qui di bellezza non c’è traccia), “Border – creature di confine” è una saga nordica, un po’ fantasy un po’ horror, in cui la mitologia scandinava popolata di troll e elfi, si mescola all’oggi, alle sue ingiustizie sociali e alle sue barriere fisiche e psicologiche. Da bambina amavo tanto le favole – dice Tina a Vore – e ho visto le fate danzare vicino al lago. Alla ricerca affannosa di se stessa, ma “cosa” sono io – si chiede – sospesa com’è tra una realtà spesso più brutale e perversa di quella di certi racconti sanguinolenti di Grimm o di Andersen, Tina tenta di recuperare il fil rouge tra la sua vera essenza e quella “umana” in cui vive, lavora e ama a suo modo.
Al di là della metafora e della semplificazione che gli uomini, a volte, sono peggio delle bestie, l’autore svedese ricama una storia in cui i “confini” richiamati dal titolo, sono labili o rigidi, a seconda delle situazioni che viviamo. Bravissima Eva Melander nella parte di Tina, e bravissima la truccatrice (candidata all’Oscar) che ha trasformato una fisionomia piacevole in quella di un mostro. Border, lo scorso anno, ha vinto gli EFA per i migliori effetti visivi, a Cannes per il miglior film nella sezione Un Certain Regard e in Italia come Miglior film al Noir Festival.
E, anche se a volte nelle scene più truci, la spettatrice media tende a distogliere lo sguardo, Border (Svezia/Danimarca 2018) è un film assolutamente da vedere.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design