• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Brennero
Lavori in corso nella galleria del Brennero

Fino al 2013, prima di intraprendere una fulgida carriera di giornalista, scrittore e, da ultimo, sceneggiatore, ho avuto l’accortezza di accumulare un tesoretto di contributi previdenziali. Come? Riscattando gli anni di università, del militare, di insegnamento. Ma soprattutto, svolgendo attività come architetto nel campo delle grandi infrastrutture.
Quando, nel 2013, mi sono stufato, stavo lavorando alla realizzazione, da poco iniziata, di un lavoro ciclopico: Il tunnel ferroviario che avrebbe unito Italia e Austria, noto a tutti (a tutti!) come galleria del Brennero. Gli italiani scavavano di qua, gli austriaci di là, l’appuntamento, con prosecco e gewurztraminer a gogo, era (o credevo fosse) a metà tunnel completato, intorno al 2025. Naturalmente attentati NoTav, arresti eccellenti e difficoltà impreviste permettendo. Prima del 2025, per andare a Innsbruck e dintorni partendo dal nostro bel Trentino Alto Adige non c’era altro verso, credevo: o sali in macchina (munita di gomme adeguate), o su un romantico trenino che sbuffa tra montagne e boschi verdissimi o candidi di neve, valichi il passo del Brennero e in due o tre ore ci sei.
Leggo ieri, con un certo stupore, che il nostro ministro delle Infrastrutture, ha in qualche modo annunciato che il tunnel è già operativo, percorso da treni carichi di merci e di austeri e indaffarati manager. Ho guardato il calendario: comunque lo giri, indica che siamo ancora nel 2018.
Allora ho capito. Escludendo a priori che un ministro della Repubblica possa aver sparato una cazzata di simili proporzioni, non restano che due possibilità: la prima è che, venuto meno il mio apporto ai lavori, i tempi si siano repentinamente velocizzati, consentendo il risparmio di sette/otto anni di duro lavoro con esplosivi e frese, impianti di produzione calcestruzzo, drenaggi, armature di acciaio, calcoli ingegneristici e minuziosi controlli di laboratorio.
La seconda eventualità, strettamente collegata alla prima, è che ben conoscendo la mia passione smodata per i vini tirolesi, la Direzione Lavori abbia omesso di invitarmi alla grande festa per l’abbattimento dell’ultimo diaframma. Dunque ringrazio quel ministro, mi pare si chiami Toninelli, per avermi avvertito della vigliaccata perpetratami al solo scopo di risparmiare dieci o dodici litri di gewurztraminer, magari anche di non eccelsa qualità.
La mia vendetta calerà su di loro con furiosissimo sdegno

Il ministro Danilo Toninelli
Il ministro Danilo Toninelli

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design