• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Calcolo Infinitesimale
Stefania Rocca e Luca Lionello

Ogni tanto nel panorama cinematografico italiano escono film diversi, frutto di una inventiva originale non collocabile in un filone. Uno di questi film è Calcolo Infinitesimale, in uscita il prossimo 16 giugno, firmato da Enzo Papetti e Roberto Minini Merot.

Una sola cosa è certa nella trama: Roberto Pistis è sparito. Dopo aver ottenuto un grande successo col suo libro ‘Calcolo Infinitesimale’ lo scrittore Roberto Pistis ha fatto perdere le sue tracce ed è uscito dalla scena pubblica. Ma una giornalista molto determinata, Valeria Hostis, lo scova sull’isola di Stromboli e si presenta per intervistarlo.

La cornice è quella dell’isola eoliana dominata dal vulcano, un microcosmo nel cuore del Mediterraneo, così piccola e così lontana da permettere la possibilità di non essere riconosciuti. E lì avviene l’incontro tra i due personaggi, dal quale dovrebbe uscire uno scoop giornalistico. Tutto questo però è reale solo nelle prime scene, perché nulla viene confermato, nulla risponde alle aspettative, nel giro di pochi colloqui tutto viene ribaltato. Lo spettatore non fa in tempo a convincersi di una ipotesi che già nella scena successiva scopre nuove verità, fra loro intrecciate e contraddittorie, persino nella dimensione temporale, mentre i personaggi assumono identità diverse. A questo punto la verità non ha più significato: difficile distinguerla dalla menzogna e smascherare la bugia, al contrario tutte le ipotesi sono veritiere.

La trama quindi si perde in rivoli di possibili sviluppi proposti con il linguaggio della leggerezza e dell’ironia, quella ironia che è soprattutto distanziamento e movimento dialettico. Mentre lo spettatore si diverte, perché il film è molto divertente, viene trascinato nella dinamica del paradosso, culminante in una dimensione fumettistica.

Il film, come il calcolo infinitesimale, è una scatola cinese, dove non solo le storie si svelano, ma dove lo spostamento delle variabili causa infinite possibilità. Alla fine si torna all’assioma iniziale sottolineato dal titolo: “essere sinceri è una virtù, mentire è un’arte” e si ricomincia (o forse si comincia) a costruire la storia, ponendosi sempre nuove domande. Una vicenda leggera, quindi, che trasuda pensiero filosofico, supportata dall’emozione delle musiche di Paolo Fresu.

I protagonisti sono Stefania Rocca (anche produttrice) e Luca Lionello, entrambi ottimi nel condurre il gioco con leggerezza, allegria e ironico distacco nei momenti più enfatici.

Il film premiato al New York Festival è in concorso al Festival di Taormina 2016, dove a Stefania Rocca è stato conferito il Premio Cariddi. Ha ricevuto inoltre il premio Stromboli in Love, per aver saputo mostrare l’isola nella sua unicità e forza primigenia.

 

Calcolo infinitesimale. Con Stefania Rocca e Luca Lionello, regia di Enzo Papetti e Roberto Minini Merot, musiche di Paolo Fresu – Italia 2016

 

Commenta su Facebook!

Dieci passi in Ellerì

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design