• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Solo parole esatte
Cerca nei titoli
Cerca nel contenuto
Search in comments
Cerca nei riassunti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Custom Post Type
Filtra per categorie
Poesia
Venerdì in versi
Emily Dickinson
Critica poetica
Costumi
Manuale di sopravvivenza
Amore ma anche no
Cucina Intelligente
Viaggi
Sesso sesso
Attualità
Società
MediaWeb
Polis
Sport
Scienza
Editoriale
Scritture
Racconti
In 10 righe
Pensieri Letterari
Storia
La Redazione
Concorso letterario ellerì
Cultura
Cinema
Libri
Musica
Arte Arti
Teatro
Fotografia
Senza categoria
Immagini
{ "homeurl": "http://www.larivistaintelligente.it/", "resultstype": "vertical", "resultsposition": "block", "itemscount": 4, "imagewidth": 70, "imageheight": 70, "resultitemheight": "auto", "showauthor": 1, "showdate": 0, "showdescription": 1, "charcount": 2, "noresultstext": "Nessun risultato!", "didyoumeantext": " Forse intendevi?", "defaultImage": "http://www.larivistaintelligente.it/wp-content/plugins/ajax-search-pro/img/default.jpg", "highlight": 1, "highlightwholewords": 1, "openToBlank": 0, "scrollToResults": 1, "resultareaclickable": 1, "autocomplete": { "enabled": 1, "googleOnly": 0, "lang": "it" }, "triggerontype": 1, "triggeronclick": 1, "triggeronreturn": 1, "triggerOnFacetChange": 1, "overridewpdefault": 1, "redirectonclick": 0, "redirectClickTo": "results_page", "redirect_on_enter": 0, "redirectEnterTo": "results_page", "redirect_url": "?s={phrase}", "more_redirect_url": "?s={phrase}", "settingsimagepos": "left", "settingsVisible": 0, "hresultanimation": "bounceIn", "vresultanimation": "rollIn", "hresulthidedesc": "1", "prescontainerheight": "400px", "pshowsubtitle": "0", "pshowdesc": "1", "closeOnDocClick": 1, "iifNoImage": "description", "iiRows": 2, "iitemsWidth": 1100, "iitemsHeight": 400, "iishowOverlay": 1, "iiblurOverlay": 1, "iihideContent": 1, "iianimation": "bounceIn", "analytics": 0, "analyticsString": "", "aapl": { "on_click": 0, "on_magnifier": 0, "on_enter": 0, "on_typing": 0 }, "compact": { "enabled": 0, "width": "100%", "closeOnMagnifier": 1, "closeOnDocument": 0, "position": "static" } }

Caro Renzi, ti riscrivo

dopo 419 giorni; tanti ne sono passati dall’8 dicembre 2013, quando ti ho spedito la mia prima letterina. “Non so se ce la farai” ti dicevo subito. Questa volta non posso cominciare allo stesso modo, perché “ce l’hai fatta”. Il passaggio era arduo e pericoloso. Tanti erano a caccia della volpe; quando mai si sarebbe ripresentata un’occasione così propizia per farti la pelle?.

Dopo le primarie che ti elessero segretario del PD ti ringraziai per il senso di leggerezza che la tua vittoria mi aveva fatto assaporare, la leggerezza che si avverte quando sembra che coraggio e speranza prevalgano sull’inerzia e sulla paura.

Adesso, al piacere della leggerezza si aggiunge il gusto dell’intelligenza. Un gusto assoluto, che non ha bisogno di condimenti per essere assaporato. In un tw ho scritto: seguire Renzi in questi giorni è stato come guardar giocare Federer quando è in forma.

Confesso, però, la mia meschinità: il piacere si è moltiplicato di fronte allo sconcerto, alla incredulità, infine alla falsa euforia di quelli che da settimane e mesi sono in attesa del tuo scivolone, meglio ancora di una tua rovinosa caduta.

Via via il loro desiderio si è espresso in modo sempre più osceno. La rottura di Gotor e compagni al Senato sulla legge elettorale secondo loro preludeva al peggio per l’elezione presidenziale. Come potevi evitare la tagliola? O stavi al losco “patto del Nazareno” e ti rassegnavi a fare il “tender” di Berlusconi, o saltava la maggioranza che ti tiene in piedi.

Insomma, erano convinti che il tacchino fosse cotto, e mancasse solo di portarlo in tavola con contorno di patatine. Poi la partita è entrata nel vivo e si è conclusa con il fatidico “game, set, match” a tuo favore. Che piacere vedere i cervelloni che raccontano ogni giorno la politica come sotterfugio, squallore e manovra, spaesati e in fuori gioco di fronte ad una azione motivata, razionale, condotta e conclusa in modo lineare, semplicemente con intelligenza.

Che piacere vedere tanti esperti del retroscena, furbi che più furbi non si può, privi di argomenti, costretti a buttare nel cestino le loro elucubrazioni. Non hai idea di quanto ho goduto, in questi ultimi giorni, a leggermi le insinuazioni e le arrampicate sugli specchi del FattoQuotidiano; e con quanta impazienza attendo di leggere domani il Domenicale di Scalfari.

La lettera di 419 giorni fa finiva mettendoti in guardia contro i tanti nemici della leggerezza alla quale mi abbandonavo la sera di quell’8 dicembre. Oggi potrei dirti di non montarti la testa per il successo; non lo faccio perché lo sai benissimo da solo.

Una avvertenza, però. I tuoi nemici hanno preso un colpo; ma hanno imparato una cosa che prima non avevano chiara. Sanno, da oggi, di aver a che fare con uno che non ha solo volontà, coraggio e – perché no – fortuna; ma che ha anche molta intelligenza. Il che li renderà più guardinghi e più pericolosi.

Intanto oggi si conclude con un brindisi. Alziamo il calice: Viva l’Italia! Bravo!

 

 

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design