• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Solo parole esatte
Cerca nei titoli
Cerca nel contenuto
Search in comments
Cerca nei riassunti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Custom Post Type
Filtra per categorie
Poesia
Venerdì in versi
Critica poetica
Emily Dickinson
Costumi
Manuale di sopravvivenza
Amore ma anche no
Cucina Intelligente
Viaggi
Sesso sesso
Attualità
Società
MediaWeb
Polis
Sport
Scienza
Editoriale
Scritture
Racconti
In 10 righe
Pensieri Letterari
Storia
Cultura
Cinema
Libri
Musica
Arte Arti
Teatro
Fotografia
La Redazione
Concorso letterario ellerì
Senza categoria
Immagini
{ "homeurl": "http://www.larivistaintelligente.it/", "resultstype": "vertical", "resultsposition": "block", "itemscount": 4, "imagewidth": 70, "imageheight": 70, "resultitemheight": "auto", "showauthor": 1, "showdate": 0, "showdescription": 1, "charcount": 2, "noresultstext": "Nessun risultato!", "didyoumeantext": " Forse intendevi?", "defaultImage": "http://www.larivistaintelligente.it/wp-content/plugins/ajax-search-pro/img/default.jpg", "highlight": 1, "highlightwholewords": 1, "openToBlank": 0, "scrollToResults": 1, "resultareaclickable": 1, "autocomplete": { "enabled": 1, "googleOnly": 0, "lang": "it" }, "triggerontype": 1, "triggeronclick": 1, "triggeronreturn": 1, "triggerOnFacetChange": 1, "overridewpdefault": 1, "redirectonclick": 0, "redirectClickTo": "results_page", "redirect_on_enter": 0, "redirectEnterTo": "results_page", "redirect_url": "?s={phrase}", "more_redirect_url": "?s={phrase}", "settingsimagepos": "left", "settingsVisible": 0, "hresultanimation": "bounceIn", "vresultanimation": "rollIn", "hresulthidedesc": "1", "prescontainerheight": "400px", "pshowsubtitle": "0", "pshowdesc": "1", "closeOnDocClick": 1, "iifNoImage": "description", "iiRows": 2, "iitemsWidth": 1100, "iitemsHeight": 400, "iishowOverlay": 1, "iiblurOverlay": 1, "iihideContent": 1, "iianimation": "bounceIn", "analytics": 0, "analyticsString": "", "aapl": { "on_click": 0, "on_magnifier": 0, "on_enter": 0, "on_typing": 0 }, "compact": { "enabled": 0, "width": "100%", "closeOnMagnifier": 1, "closeOnDocument": 0, "position": "static" } }

Viviamo da un po’ di anni, almeno in Italia, in una galassia estetica apparentemente libera, slegata dall’ossessione del marchio all’ultima moda. In pratica ognuno si costruisce il suo modello, a propria immagine, fashion designer di se stesso con l’unico limite del gusto personale – spesso carente – e della scelta da effettuare, per forza di cose, tra i prodotti che trova in giro. Abiti ed accessori che, nei migliori o nei peggiori negozi, ormai tendono a confondersi in un disordinato eclettismo.
Tutto ciò avrebbe anche una valenza genericamente positiva: la libertà, seppur condizionata, è sempre un valore da tener caro e lo sdoganamento dall’obbligo di acquistare griffato, esibendo anche con un certo orgoglio merce contraffatta e strenuamente contrattata al banchetto dei senegalesi o direttamente sulla spiaggia, non ha prezzo. Anzi ce l’ha, ma è bassissimo.
Il punto dolente, come accennavamo, è il gusto.
Prendiamo l’inarrestabile moda del tatuaggio, abbattutasi come uno tzunami su corpi nostrani di ogni età, sesso e morfologia. I tattoo shops, una volta relegati quasi in clandestinità nelle vie più sordide delle periferie urbane, vivono una rivincita epocale e fanno bella mostra di sé nei quartieri di lusso.
I risultati “in corpore vili” lasciano però perplessi. Si iniziò con piccoli, timidi segni zodiacali per passare a simboli sempre più arcani e vistosi. Travolgente il successo del tatuaggio “tribale”, particolarmente adatto a nerborute braccia maschili, seguito dall’epopea dei nomi ritenuti incancellabili ma fatalmente destinati a un brusco, imbarazzante declino. Favoriti dall’esempio di attori, rockstar e calciatori, dilagano ora senza controllo tatuaggi multicolori che arrivano a coprire l’intera superficie del corpo, trasformando familiari arenili in passerelle di tableaux vivants in pigro movimento o impegnati in estenuanti match ai racchettoni. Giovanotti dai venti agli ottant’anni, attesi al tramonto per il riposo del guerriero da sinuose salamandre lettinizzate, dai cui bikini spuntano enormi, inquietanti ali posteriori ricche di squame.
Temo che il mito dell’innata eleganza italiana abbia subito colpi durissimi, negli ultimi decenni. Il ruolo sbeffeggiato, colpito e infine affondato del grande stilista, arbiter elegantiarum indiscusso di un tempo, ha lasciato un vuoto obiettivamente difficile da colmare per i nostri giovani che, smarriti, profondono tesori di energie nel tentativo di affermare nuove tendenze finendo però per puntare sempre sul ridondante eccessivo, la trasgressione studiata a tavolino e dunque deprivata in modo automatico di ogni vis sulfurea .
Sarà perché, ormai, c’è rimasto poco da dire. E perciò anche noi, correttamente, tacciamo.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design