• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Come e perché ho ripreso a leggere quotidiani
Fotomontaggio di Aglaja con immagine dell'Autrice

Avevo smesso. Tanto davano tutti contro il PD. Diffondevano con i megafoni le risibili bufale del web. E allora, le bufale, me le leggevo direttamente sul web, a caratteri ingranditi a +200 a misura di vecchia cecata. Adesso che, dopo l’operazione di cataratta, li posso leggere, i principali e storici quotidiani, scopro di aver qualcosa da imparare. Anche se non sono certo perfetti.
Primo: i giornalisti professionisti scrivono meglio dei troll sovvenzionati da Casaleggio e associati
Secondo: con un governo orripilante come l’attuale, fare opposizione aumenta le copie vendute.
Terzo: in un articolo trovano posto più concetti che in un post.
Quarto: litigare con la carta è più difficile. Ti lascia troppo tempo per riflettere.
Vorrei soffermarmi su La Repubblica:
1) pessima la cronaca con le notizie sbagliate, nomi errati, i delitti confusi.
2) il Partito di Repubblica ci ha sempre consigliato malissimo in politica, (non parlo male di Scalfari perché da giovane era molto bello)
3) l’inserto culturale era troppo radical chic per me, e ora è troppo superficiale.
4) molti anni fa crearono la bolla mediatica su Capalbio, ogni estate vi si leggevano gossip storie su improbabili mandrie di ricchi comunisti snob – balla che ha rovinato per sempre il nome di un paesino a 20 chilometri dal mare, privo di lungomare, posto barca, boutiques, gioiellerie, bar chic su piazzette.
5) negli ultimi anni, poi, ci sono stati gli astrusi attacchi contro i due migliori governi che l’Italia abbia avuto dal dopoguerra in poi e il povero Renzi sembrava diventato il diavolo.
Magia: adesso Rep è cambiata, non le piacciono i gialloverdi, giustamente. Ma Renzi resta il diavolo. Nel frattempo, cosa mi hanno regalato i figli per il 76esimo compleanno? L’abbonamento a Repubblica, cartaceo. Mi aspetta un anno ricco, intenso, pieno di riflessioni e approfondimenti. E incazzature.

Commenta su Facebook!

Dieci passi in Ellerì
Trazom!

Trazom!

scritto da Diego C. De La Vega

Tomato blues
Solo in Italia
L’alieno

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design