• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Solo parole esatte
Cerca nei titoli
Cerca nel contenuto
Search in comments
Cerca nei riassunti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Custom Post Type
Filtra per categorie
Poesia
Venerdì in versi
Emily Dickinson
Critica poetica
Costumi
Manuale di sopravvivenza
Amore ma anche no
Cucina Intelligente
Viaggi
Sesso sesso
Attualità
Società
MediaWeb
Polis
Sport
Scienza
Editoriale
Scritture
Racconti
In 10 righe
Pensieri Letterari
Storia
La Redazione
Concorso letterario ellerì
Cultura
Cinema
Libri
Musica
Arte Arti
Teatro
Fotografia
Senza categoria
Immagini
{ "homeurl": "http://www.larivistaintelligente.it/", "resultstype": "vertical", "resultsposition": "block", "itemscount": 4, "imagewidth": 70, "imageheight": 70, "resultitemheight": "auto", "showauthor": 1, "showdate": 0, "showdescription": 1, "charcount": 2, "noresultstext": "Nessun risultato!", "didyoumeantext": " Forse intendevi?", "defaultImage": "http://www.larivistaintelligente.it/wp-content/plugins/ajax-search-pro/img/default.jpg", "highlight": 1, "highlightwholewords": 1, "openToBlank": 0, "scrollToResults": 1, "resultareaclickable": 1, "autocomplete": { "enabled": 1, "googleOnly": 0, "lang": "it" }, "triggerontype": 1, "triggeronclick": 1, "triggeronreturn": 1, "triggerOnFacetChange": 1, "overridewpdefault": 1, "redirectonclick": 0, "redirectClickTo": "results_page", "redirect_on_enter": 0, "redirectEnterTo": "results_page", "redirect_url": "?s={phrase}", "more_redirect_url": "?s={phrase}", "settingsimagepos": "left", "settingsVisible": 0, "hresultanimation": "bounceIn", "vresultanimation": "rollIn", "hresulthidedesc": "1", "prescontainerheight": "400px", "pshowsubtitle": "0", "pshowdesc": "1", "closeOnDocClick": 1, "iifNoImage": "description", "iiRows": 2, "iitemsWidth": 1100, "iitemsHeight": 400, "iishowOverlay": 1, "iiblurOverlay": 1, "iihideContent": 1, "iianimation": "bounceIn", "analytics": 0, "analyticsString": "", "aapl": { "on_click": 0, "on_magnifier": 0, "on_enter": 0, "on_typing": 0 }, "compact": { "enabled": 0, "width": "100%", "closeOnMagnifier": 1, "closeOnDocument": 0, "position": "static" } }
Cuori puri
Simone Liberati e Selene Caramazza

Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio… Don Luca, prete di una parrocchia alla periferia di Roma, così catechizza le ragazze e i ragazzi che gli stanno intorno. Con l’incitamento alla purezza. Ma spingendosi oltre il normale insegnamento propone loro un vincolo di castità fino al giorno del matrimonio. Agnese, che sta per compiere 18 anni, comincia a pensare seriamente al voto, spinta anche dalla madre, devota e osservante fino all’ossessione.
Roberto De Paolis (classe 1980), al suo primo lungometraggio, realizza un film duro, scomodo che abbandona da subito il politicamente corretto, per addentrarsi nella realtà infelice della borgata romana. Dove il confine tra buoni e cattivi è labile e resta solo l’individualità delle persone e delle scelte che compiono. Così Stefano, che fa il guardiano in un parcheggio confinante con un campo Rom, non è migliore o peggiore, e soprattutto non si sente tale, dei nomadi limitrofi con cui è teoricamente in guerra. L’incontro/scontro iniziale tra Agnese e Stefano, scena con cui si apre il film, segna un ulteriore superamento di quel confine. Le vite dei due ragazzi, entrambi imprigionati in uno schema, quello dell’integralismo cattolico lei, e quello malavitoso lui, si aggrovigliano in una ricerca reciproca di conoscenza e di aspirazione alla libertà. De Paolis, che lavora al montaggio da anni, ha studiato dal vivo la realtà di Tor Sapienza, periferia a est di Roma. Nulla di quanto raccontato sembra di maniera. I dialoghi sono tesi, autentici sia nella loro banale semplicità sia, a volte, in una inaspettata profondità. La macchina da presa inquadra vicinissima i protagonisti, incollata ai loro sguardi teneri, sofferenti, trasognati, al corpo minuto di Agnese, ancora adolescenziale, e a quello robusto di Stefano. Si sofferma con spietato realismo sul campo rom, sul parcheggio devastato dai rifiuti e sulla rete che divide le due zone. Divise eppure contigue nella desolazione e nella mancanza di riscatto. Riscatto che in modo confuso e irrisolto troveranno Agnese e Stefano. Salvati, quasi loro malgrado e malgrado il degrado fisico e morale che li circonda, dalla purezza grezza dei loro cuori. Anche e soprattutto con il film di De Paolis si conferma la vitalità del cinema d’autore italiano. Dopo Sole cuore amore e in misura minore di Fortunata, tutti ambientati nelle borgate capitoline, “Cuori puri” dimostra che il dramma borghese e la commedia all’italiana sono generi superati e che il neorealismo 2.0 affascina pubblico e critica. Con tre candidature ai Nastri d’Argento, due giovani e bravissimi attori: Selene Caramazza nel ruolo di Agnese, Simone Liberati in quello di Stefano e la perla di Barbora Bobulova che impersona la madre devota, Cuori puri è un film di quasi due ore, tutt’altro che rassicurante e che spesso fa male allo stomaco per la sua crudezza, ma che di sicuro ti resta dentro, molto oltre i titoli di coda.

Cuori puri di Roberto De Paolis (Italia 2017)

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design