• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Di che colore sei?
Da "National Gegrafic"

Io, per esempio, sono color patata cruda appena tagliata, un verdino acidulo gialliccio – ma, d’estate, arrivo a un gradevole nocciola mediorientale, senza neanche mai scottarmi.
Ci sono le persone panna e fragola, che hanno capelli rossi o chiarissimi – e, quindi, se si spostano al sole, la fragola finisce, ohimé, per predominare sulla panna.
I cinesi sono color rosa tea, mica gialli. I pellerossa si abbronzano in color acajou. Ci sono africani color cioccolato fondente al 99%, quelli al 75%, quelli al 60% – ci sono anche di un bellissimo marron glacè. E dove mettiamo il caffellatte e il cappuccino?
Ci sono, restando nei dolci, al nord più nordico, i pallidoni trasparenti color cioccolato bianco, che bianco non è, ma reca una lieve opalescenza giallovomitina.
Claudio invece è di un adorabile rosa confetto, che per sua e mia fortuna con l’estate diventa di un caldo bronzo ramato, dopo esser passato per il peperone, ma è l’iter normale. Mentre i rosa maialino, loro, al sole, poverini, diventano fucsia e poi esplodono.
La mia amica Nadia è tutto l’anno di un bel beigiolino rosato, e l’estate scurisce bene, anche se è bionda, ma solo perché, essendo genovese, è da sempre tutt’uno col mare e le sue conseguenze. Giacomo è grigio e ha i capelli verdastri, lo giuro. D’estate non si abbronza, non si scotta, e resta grigio, magari un po’ fumé.
Gli italiani hanno in genere sul viso tutte le sfumature del beige, da certi pugliesi nocciolati con occhi nerissimi, al color verde-smog dell’epidermide di molti milanesi, che hanno gli occhi, spesso, dello stesso colore fangoso – ma consoliamoci coi sani montanari delle alpi, dall’incarnato di mela con pomelli ciliegia – per inciso, molti di loro hanno occhi come laghetti, dal verde smeraldo all’azzurro pervinca.
Ci sono fra gli umani molte pelli color crema, di quasi tutti i tipi di crema commestibile, dalla majonese alla crème anglaise, dalla senape alla Nutella. Ma bianco neve non ho mai visto nessuno. E nemmeno nero carbone.
E voi, di che colore siete? Ditemelo, tanto qui non ci sente nessuno.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design