• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Collezionista di incubi di Costanza Firrao

Delphine è una scrittrice di romanzi: l’ultimo, che s’ispira alla vera e drammatica storia di sua madre, ottiene uno straordinario successo.Tra le decine e decine di lettori che affollano la libreria in attesa di un autografo, c’è una giovane donna che attira la curiosità dell’autrice. Lei/Elle – questo il suo nome – lavora nel campo dell’editoria e si offre di aiutare Delphine, soprattutto quando alcune lettere anonime vengono a turbare l’equilibrio già fragile della scrittrice. Tratto dal libro “Da una storia vera” di Delphine de Vigan, l’ultimo film di Roman Polanski è un noir dal ritmo teso, spesso claustrofobico, persino, in alcune scene, horror. Tra il Misery non deve morire di Stephen King e il suo Rosemary’s Baby, il regista di origini polacche imbastisce una trama elegante e stringente in cui realtà e finzione, ossessioni e manipolazioni si intrecciano in un abile gioco di specchi e riflessi contrastanti. Ma, nonostante la bravura delle due protagoniste – una plasmabile Emmanuelle Seigner e una luciferina Eva Green – il gioco in cui Polanski vorrebbe trascinare lo spettatore è prevedibile e scontato. Il maestro, a 84 anni e con una carriera folgorante alle spalle, dovrebbe forse smettere di coltivare i suoi incubi e di dare forma – anche attraverso le sue opere – ai fantasmi che gli hanno scombussolato la vita.

green

Un maestro dell’inquietudine di Giuliana Maldini

 L’ultimo film di Polanski è materiale fascinoso per gli psichiatri e sconsigliato a tutti quelli che desiderano vedere storie rassicuranti. E Roman, si sa, ci turba da sempre raccontandoci mirabilmente i misteriosi grovigli della psiche. Qui si parla di un rapporto vampirizzante tra una donna dalla personalità cannibalesca e delinquenziale che ne plagia un’altra, dall’indole più fragile. Anche se tutto si complica ulteriormente e i ruoli s’invertono in un perverso scambio d’identità. Dall’inizio alla fine c’è una fortissima tensione e non si capisce fino a che punto la vicenda è reale o immaginaria. Nel film ci sono anche tematiche ansiogene come la paura della pagina bianca e della propria eventuale non creatività, la frustrazione di chi è costretto a fare il ghost writer e che invece vorrebbe essere più creativo. Inevitabilmente si fa il confronto con altri capolavori simili dello stesso regista, da “Repulsione” a “Luna di fiele” a “L’inquilino del terzo piano” (ma questo non è da meno) e vengono in mente anche riferimenti con altri registi che raccontano storie altrettanto angoscianti come “Persona” di Bergman o “Il servo” di Losey o “Misery non devi morire” di King. Ancora una volta Polanski, nonostante i suoi 84 anni, continua ad essere un grande maestro dell’inquietudine.
Quello che non so di lei di Roman Polanski – Francia/Belgio/Polonia 2017

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design