• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Solo parole esatte
Cerca nei titoli
Cerca nel contenuto
Search in comments
Cerca nei riassunti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Custom Post Type
Filtra per categorie
Poesia
Venerdì in versi
Emily Dickinson
Critica poetica
Costumi
Manuale di sopravvivenza
Amore ma anche no
Cucina Intelligente
Viaggi
Sesso sesso
Attualità
Società
MediaWeb
Polis
Sport
Scienza
Editoriale
Scritture
Racconti
In 10 righe
Pensieri Letterari
Storia
La Redazione
Concorso letterario ellerì
Cultura
Cinema
Libri
Musica
Arte Arti
Teatro
Fotografia
Senza categoria
Immagini
{ "homeurl": "http://www.larivistaintelligente.it/", "resultstype": "vertical", "resultsposition": "block", "itemscount": 4, "imagewidth": 70, "imageheight": 70, "resultitemheight": "auto", "showauthor": 1, "showdate": 0, "showdescription": 1, "charcount": 2, "noresultstext": "Nessun risultato!", "didyoumeantext": " Forse intendevi?", "defaultImage": "http://www.larivistaintelligente.it/wp-content/plugins/ajax-search-pro/img/default.jpg", "highlight": 1, "highlightwholewords": 1, "openToBlank": 0, "scrollToResults": 1, "resultareaclickable": 1, "autocomplete": { "enabled": 1, "googleOnly": 0, "lang": "it" }, "triggerontype": 1, "triggeronclick": 1, "triggeronreturn": 1, "triggerOnFacetChange": 1, "overridewpdefault": 1, "redirectonclick": 0, "redirectClickTo": "results_page", "redirect_on_enter": 0, "redirectEnterTo": "results_page", "redirect_url": "?s={phrase}", "more_redirect_url": "?s={phrase}", "settingsimagepos": "left", "settingsVisible": 0, "hresultanimation": "bounceIn", "vresultanimation": "rollIn", "hresulthidedesc": "1", "prescontainerheight": "400px", "pshowsubtitle": "0", "pshowdesc": "1", "closeOnDocClick": 1, "iifNoImage": "description", "iiRows": 2, "iitemsWidth": 1100, "iitemsHeight": 400, "iishowOverlay": 1, "iiblurOverlay": 1, "iihideContent": 1, "iianimation": "bounceIn", "analytics": 0, "analyticsString": "", "aapl": { "on_click": 0, "on_magnifier": 0, "on_enter": 0, "on_typing": 0 }, "compact": { "enabled": 0, "width": "100%", "closeOnMagnifier": 1, "closeOnDocument": 0, "position": "static" } }

Sfoglio le pagine de ‘Il tallone di ferro’ di Jack London (1908) che ricevetti in dono da mio padre Antonello quando avevo quasi diciassette anni con una dedica che ho custodito preziosamente tra i miei libri e nel fondo della coscienza.
Il libro (‘The Iron Heel’) è un ‘romanzo socialista’ che descrive l’ascesa di un’oligarchia economico-politica negli Stati Uniti in uno scontro impari tra proletariato urbano e borghesia, al tempo della ‘Comune’ di Chicago; la forma è di un manoscritto ritrovato dopo tanti anni, al termine di una dura lotta sociale in cui, alla fine, il ‘tallone di ferro’ era stato sconfitto…
Nella dedica, mio padre mi iniziava alla ‘morale socialista’ che ho seguito nel corso della mia vita secondo quanto sono stato capace di fare. A rileggerla oggi, ancora mi commuovo, pensando alle piccole grandi cose che un genitore può imprimere nell’animo di un ragazzo.
Non senza rilevare però, a distanza di mezzo secolo, quanto la sua informazione avrebbe potuto essere involontariamente fuorviante. Egli asseriva infatti – né io avevo modo di obiettare – che al tempo del fascismo chi veniva trovato in possesso del libro di London rischiava la galera, deducendone tutta una serie di motivazioni morali implicanti il giudizio sul passato e la condotta per il futuro.
Oggi però, Ebay alla mano, e con l’esperienza aggiunta, noto che ‘Il tallone di ferro’ ebbe più di una edizione in Italia, durante il fascismo (dal 1928 al 1930) e a quanto mi risulta non vi fu mai una censura né una repressione nei confronti di chi lo diffuse per la lettura…
Mio padre dunque ‘mentiva’…? Non credo affatto. Era semplicemente trascinato dal suo acceso ‘antifascismo’ che lo portava a chiudere gli occhi sulla verità dei fatti storici accaduti i quali, nel bene e nel male, avevano luci ed ombre ben più complicate di una semplice discriminazione tra ‘giusto’ e ‘ingiusto’ nella causa della emancipazione sociale del lavoro moderno.
Vorrei segnalarlo non tanto per ‘spirito revisionista’ sul fascismo e dintorni: ma per far capire come una ‘educazione sentimentale’, per quanto motivata dalle più oneste intenzioni, possa diventare nei più teneri e inconsapevoli virgulti, una motivazione fuorviata e fuorviante…
Ecco la dedica, sentita e commossa, di mio padre Antonello: “…Caro Duccio, ti prego di leggere questo libro. Ai tempi in cui avevo la tua età e già sognavo la lotta contro i prepotenti, i padroni e gli sfruttatori degli operai, esso era considerato un libro sovversivo. E se la polizia te lo trovava, andavi dentro. Oggi si può leggere liberamente, perché qualcuno ha combattuto perché ciò fosse possibile. Ma non basta. Papà. Roma, 22.01.1962”

antonello

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design