• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Traduzione e commento di Giovanna Nuvoletti. Immagine e scelta musicale di Aglaja

“Mi spaventa avere un Corpo –
anche avere una Mente –
totale – precario Possesso –
Proprietà involontaria.
Patrimonio intestato a capriccio
a una Erede innocente –
Regina un attimo d’Immortalità –
e con Dio per Confine”.

E se lo dice lei. Emily. Che spavento essere io. Essere “io”. Dentro una gabbia. Chi di noi non lo prova? Non riesco a guardarmi in uno specchio, per paura di vedermi l’anima. Non oso pensarmi, per non restare inabissata in me. Io, per un attimo, Dio, per sempre. Condanna eterna, privilegio – a vederlo a sentirlo – senza una fine e dentro l’Universo. Emily era mistica e atea. Viveva gli anfratti della materia, e sapeva che non era l’atomo, indivisibile. Emily non credeva in dio, ma dio credeva in lei, e in lei si perdeva. PS. Perdonatemi le libertà che mi sono presa a tradurre – lei non se avrebbe a male. Nuvola.

Ecco il testo originale:

“I am afraid to own a Body –
I am afraid to own a Soul –
Profound – precarious Property –
Possession, not optional –
Double Estate – entailed at pleasure
Upon an unsuspecting Heir –
Duke in a moment of Deathlessness
And God, for a Frontier”.

E la musica di Peter Gabriel

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design