• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Lei all’inizio si nascose in fondo alla sala affollata di genitori e nonni. Sul palco, la V elementare dei nipoti era pronta per il saggio finale. Dietro a ragazzini compunti e emozionati, si stagliava una enorme bandiera azzurro fuoco, decorata da un cerchio di stelle gialle.
Dopo qualche parola degli insegnanti cominciò il canto: lei socchiuse gli occhi per distinguere le faccine intente e gli occhi azzurri e luccicanti dei gemelli. Le bocche erano spalancate. Si avvicinò piano, per vedere e sentire meglio.
Il canto era l’Inno alla Gioia, di Beethoven. Le parole erano la traduzione italiana del testo di Schiller.

“Lieti, come i suoi astri volano
attraverso la volta splendida del cielo,
percorrete, fratelli, la vostra strada,
gioiosi, come eroi verso la vittoria”.

Troppa bellezza, troppa la speranza. Era il 2005. Immaginò gli anni a venire, il progresso certo, il futuro sull’onda entusiasta della musica.
No, non si aspettava come Schiller una mitica “Arcadia”, in cui la natura divinizzata si identificasse con l’Ideale; lei ci vedeva modernità, scienza, giustizia sociale, pace, fruttuosi commerci.
Europa, patria mia, pensò, senza frontiere. Noi: la cultura, la libertà, la fratellanza. Arte e filosofia, cattedrali e democrazia. Tra l’amore per i nipoti, e la commozione generale, si ritrovò coi lacrimoni. Un groppo di ingenua felicità in gola, il fazzoletto stropicciato in mano, sorrideva nel vuoto.
Finito lo spettacolo, si unì agli altri parenti, affollandosi intorno alla classe. Raggiunse i gemelli, li prese per mano, e si allontanò per portare a casa Emma e Tommaso d’Europa, saltellando come una ragazzina con loro, verso la sua 600 Fiat allora nuova fiammante.
La vita era disegnata.
Adesso è il 2017, la 600 è un po’ arrugginita ma ancora viaggia, il grande progetto Europa sembra avvizzirsi, spegnersi e non muoversi più, ma Emma e Tommaso viaggiano, sì, viaggiano e studiano per tutto il continente, e hanno amici in Spagna, Olanda, Belgio, Inghilterra. Sono cittadini europei veri, con naturalezza totale, senza frontiere neanche nel cuore – sui loro Facebook si vedono facce di ogni parte, giovani che si scambiano notizie in ogni linguaggio.
Fidiamoci di loro. E di Emma Bonino che indica la strada: “solo chi ama l’Europa può modificarla nel senso giusto, chi la rinnega non può cambiarla”.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design