• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Scandalo Facebook. Crollo azioni in Borsa. Alcuni azionisti intentano causa. Curioso.
I “risparmiatori e speculatori, abbagliati dalla celebrità del marchio e dalla possibilità di un facile guadagno” che si sono fatti “imporre una quotazione fuori mercato” secondo me non conoscono FB. Non ci passano ore al giorno come faccio io. Hanno di certo troppo da fare per capire come funziona.
Altrimenti “la ridotta capacità dell’azienda di produrre reddito” l’avrebbero capita al volo.
Fare i soldi vendendo i nostri gusti, le nostre patetiche passioni ai maghi del marketing? Che possano così inviarci ancor più patetico spam pubblicitario via email? Oppure, in diretta su FB: se mi dichiaro single mi appare in bacheca l’agenzia matrimoniale. Se nomino le scarpe eccone subito l’immagine… e così via. Mi piacciono le fragole.
E poi, la pubblicità sul web dovrebbe trovare un suo linguaggio. Così com’è, o rompe le scatole o risulta invisibile.
No, le azioni di Marco Zucco io non le avrei mai comprate, neanche avendoci i soldi. Al massimo una, per incorniciarla e tenerla per ricordo. FB per me non ha segreti.

(le frasi tra virgolette sono tratte dal Corriere della Sera).

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design