• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Frida Kahlo, artista della vita

Frida Kahlo, artista della vita

scritto da Maria P. Maizzi

Una colomba e un elefante. Un amore di inedita, struggente intensità e purezza quello tra Frida Kahlo e Diego Rivera che J. Le Clezio racconta nel suo romanzo biografia. Frida, il corpo segnato dal terribile incidente in cui è stata coinvolta a diciotto anni, s’innamorò di Diego, più grande di lei di venti anni. Un amore che mescolò le loro vite, fedele nonostante i continui reciproci tradimenti. Un amore che contaminò la loro arte. Frida iniziò a dipingere come Diego, e questi dipinse alla maniera di Frida.
Alle Scuderie del Quirinale la rassegna dedicata alla pittrice messicana ripercorre la storia del legame che fu la fonte più importante di ispirazione artistica di entrambi i pittori; permea l’opera di Rivera in modo discreto e sensibile, mentre è più appariscente, sfrontata, nei quadri di Frida Kahlo. Sono esposte bellissime fotografie della coppia, dei loro amici, nonché scritti, diari e riprodotti filmati. È così possibile comprendere meglio le loro personalità in relazione all’epoca in cui vissero, epoca di grandi ideali e battaglie ideologiche. Si scopre che Diego Rivera, membro del partito comunista messicano, invitò Lev Trockij in Messico. Egli fu prima suo ospite, poi dei genitori di Frida a Coyoacàn dove nel 1940 venne brutalmente ammazzato. La coppia ebbe relazioni anche con altri intellettuali e personalità del tempo come Tina Modotti, Julio Antonio Mella e, inaspettatamente, Henri Ford.
Un video commuove più degli altri: Frida e Diego sono nel giardino della loro casa. Lei è vestita, come al solito, con il tradizionale costume degli indios. Si muove con grazia. Fa la vezzosa come una bambina. E come una bambina prende la mano del suo uomo, la bacia, se la porta al viso, si fa accarezzare. In quei gesti c’è tutto il suo amore per Diego: marito e amante, padre e figlio, rivoluzione e Messico, indio oppresso, spagnolo oppressore, intellettuale raffinato, mercante senza scrupoli, medico ostinato, che l’ha curata fino alla morte.
Non fu un amore impossibile, ma una storia durata più di venticinque anni, fatta di vita, arte, libertà, non di divieti e di morte. La mostra ne dà ampia dimostrazione: tra tanti un autoritratto di Frida con una collana di spine. Lei, con il sangue che le scorre lungo il collo, ci guarda fiera, con un lieve ironico sorriso, per urlarci tutta la sua testarda voglia di vivere.

da Frida Kahlo, in mostra dal 20 marzo al 31 agosto 2014. Scuderie del Quirinale, Roma
Immagine: Frida Kahlo, Autoritratto con collana di spine e colibrì. 1940

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design