• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Gillo, Antonello e gli amori di Barbara Lass
Antonello Trombadori Un amico Gillo Pontecorvo Barbara Lass

 

Ricevo un bel regalo per l’anno nuovo da Simone Pontecorvo, per il ricordo di una amicizia antica, di storie familiari e tanto altro: sono due fotografie di suo padre Gillo scattate in compagnia del mio, di un altro amico e della bella giovane attrice polacca Barbara Lass (1940-1995), a Roma nella primavera del 1961. Il gruppo si trova in Via della Croce, a due passi dalle trattorie di Cesaretto e Otello, dove è passato tutto il miglior cinema italiano.

La giovane Barbara è allegra; gli altri le sorridono incoraggianti ed osservano il banco di una prosperosa ‘fruttarola’. Barbara Lass era piena di speranze e ne aveva ben donde. Aveva avuto un esplosivo riconoscimento in patria, si era da poco sposata col giovane Roman Polanski, ma l’attrice brillava di notorietà ancor più di suo marito in quel momento per avere già girato da protagonista un film in Italia con René Clement (‘Che gioia vivere!’) assieme ad Alain Delon. Gillo Pontecorvo l’aveva notata in quella circostanza se n’era invaghito, ed aveva pensato a lei per il film ‘Kapò’ (1959) ma poi il ruolo toccò a Susan Strasberg.

Alain Delon e Barbara Lass
Alain Delon e Barbara Lass

Nella primavera del 1961, invece, Polanski era in Polonia, impegnato a girare ‘Il coltello nell’acqua’, ed accadde che tra Gillo e la bella Barbara ci fosse del tenero. La cosa andò abbastanza avanti e accese il sentimento della giovane attrice (tra lei e Gillo correvano più di vent’anni di età) fino al punto che si pensò al legame di un amore più duraturo e alla rottura con Polanski, che tra l’altro di Gillo era amico.

Non so come andarono bene le cose (e chi mai potrebbe, in verità?) fatto sta che a un certo punto Gillo titubò, Barbara Lass ne rimase molto colpita, partì per il Giappone dove aveva preso impegno per girare un altro film. Passò del tempo, Barbara si rifece vedere e comunicò al marito e all’ex amante che aveva deciso di rompere con il passato e convolare a nozze con un altro uomo, il regista tedesco Karlheinz Bohm, dal quale nel 1964 ebbe una figlia, l’attrice Katharina Bohm.

Barbara continuò il suo lavoro e girò tra l’altro assieme a Margarethe von Trotta e Rainer Werner Fassbinder. Nel 1980 sposò il musicista jazz Leszek Zadlo, visse in Polonia e sostenne il movimento sindacale di Solidarnosc. Colpita da una improvvisa emorragia cerebrale morì il 6 marzo 1995, è sepolta nel cimitero Rakowicki a Cracovia dove una statua di bronzo ne ricorda le gentili fattezze.

barbara

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design