• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

E prima a gridare “Al bug! Al bug”, spaventati Pierini del Duemila. E adesso tutti esperti di Maya (no, non l’ape), a lustrare amuleti – con un certo non so che di sadico – nell’attesa di un’imminente, sublime fine del mondo. Ma chi ha aperto le gabbie? Catastrofisti sbavanti che spuntano ovunque come funghi! E se poi, putacaso, il B’ak’tun-day si traducesse in null’altro che una misera botta di rinnovata spiritualità per il genere umano? Chi salverebbe Vespa dall’auto-reclusione in un plastico in scala 1:1? D’accordo, si chiude un ciclo. Centoquarantaquattromila giorni, mica cavoli (già, i Maya possedevano calendari da parete lunghissimi, all’epoca; ché mica avevano uno Sting qualunque appollaiato sul solito albero amazzonico da salvare, loro). Embe’? Respiro a fondo. Primo: ho superato quasi indenne il Natale. Ripeto: quasi. Il tour de force prima-dai-miei-poi-dai-tuoi dovrebbe rientrare, per legge, nel novero delle armi letali. Ma che ve lo dico a fare? È toccata anche a voi la sciarpa – orribilmente a quadretti – di nonno Gigi o la stella cometa fatta all’uncinetto da zia Elvira, giusto? Secondo: il 21 dicembre è lontano. E, in fin dei conti, chi se ne frega dei Maya, che sono-tutti-morti? (Tiè!). Terzo: detesto le paillettes, i panettoni riciclati della vigilia farciti a suon di mascarpone, i veglioni a trecento euro, gli ignobili trenini danzanti tra sconosciuti alticci, l’abbinata tacco dodici-abitino scollato argento-Rockets a -4° (possibilmente con la neve alta-così-scì-scì). Quarto: mia madre, per una vita intera, ogni mezzanotte di San Silvestro ha stappato una bottiglia di spumante da due soldi e, tutta denti e crediti, ha festeggiato con un glorioso «Fanculo l’anno vecchio! Il prossimo sarà quello buono, che peggio di così non può andare!». Con le bollicine, ma pur sempre uno stillicidio. Comprerò un Moet & Chandon su eBay. Ce lo berremo a casa. Accenderemo le stelline, quelle che non esplodono e non mozzano mani a casaccio. Saluteremo il 2011 con rassegnata dolcezza. E altro che “Brazil”! La cagna al riparo dai botti, e il vischio appeso in cucina, lasceremo che il piccolo canti ancora e ancora, fuori tempo massimo, un radioso, noiosissimo “Gingombè, gingombè, gingooddeuè”.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design