• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Nel primo campionato mondiale di calcio disputato in Italia nel 1934, lo stadio di Napoli fu scelto come sede della partita Germania-Austria.
Gli organizzatori erano inquieti e preoccupati, avevano un problema da risolvere: lo stadio era intitolato a Giorgio Ascarelli, ebreo. Poteva mai una squadra di un paese nazista giocare nel campo di un paese fascista nello stadio dedicato a un ebreo?
Giorgio Ascarelli, fondatore e primo presidente dell’Associazione calcio Napoli, costruì quello stadio a sue spese nel 1930 e per pudore non lo intestò a se stesso, chiamandolo “Stadio Vesuvio”. Ma alcune settimane dopo l’inaugurazione, a causa di un attacco di peritonite fulminante, morì.
Per riconoscenza I tifosi e i concittadini cambiarono la denominazione in “Stadio Giorgio Ascarelli”. Ma quel nome alla vigilia delle leggi razziali doveva sparire, la memoria e i meriti dovevano essere cancellati. Il regime ribattezzò lo stadio con il nome “ Partenopeo” e tentò di oscurane il ricordo.
Industriale, filantropo, appassionato non solo di calcio ma anche di canottaggio e di vela (fu tra i fondatori del Real Circolo Canottieri Italia nella rinnovata sede sulla Banchina Santa Lucia), Giorgio Ascarelli fu un personaggio eccezionale: è bene rinnovarne la memoria, quando episodi di razzismo iniziano di nuovo a serpeggiare.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design