• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Dato che risulta apparentemente impossibile non scrivere fesserie sulla situazione greca, mi cimenterò anch’io, tanto per placare l’ansia per la dracmatica situazione.

Sono in buona compagnia: giornalisti, economisti, politici, capi di stato, banchieri di tutto il mondo hanno detto tutto e il contrario di tutto. Le uniche persone che potrebbero dire veramente qualcosa di sensato sono i greci, quelli che fanno la fila davanti ai bancomat o le farmacie e che se la prendono giustamente o con Tsipras o con la Troika, tanto il risultato non cambia e non cambierà, se non in peggio.

Qualsiasi sia la soluzione, sì o no al referendum, comunque per loro andrà molto male. Di conseguenza andrà male anche per noi. Per qualcuno invece andrà comunque bene, molto bene. Speculatori e capitalisti di tutto il mondo unitevi: la Grecia si può comprare a prezzi stracciati. Comunque vada: o vince l’Europa come fantasiosa idea politica o vince l’Europa come rigida idea economica. Si pensava che le due europe fossero coniugabili. Non è così. Non sarà più così dopo il default greco.

Possiamo, tanto per placare l’ansia, addebitare tutte le colpe dei governi greci degli ultimi vent’anni a quei pazzi di Tsipras e Varoufakis, che tanto andranno a casa anche loro, in moto o a piedi. Significa però che qualunque pazzo venga eletto democraticamente nel suo paese e voglia rispettare il preciso pazzo programma per il quale è stato eletto, può tranquillamente trascinare il suo paese fuori dall’Europa, accompagnato dalla così detta Troika alla porta con relativa consegna di bastone e cappello.

Ciao, Europa! Tanto abbiamo già detto ciao a mezza Africa, Siria, Irak, Libia. Siamo pronti a salutare Yemen e Ucraina. Alla Tunisia e all’Iran ci penserà l’Is (a proposito, riscontro una totale indifferenza delle anime belle di Facebook sulla spaventosa avanzata dello spaventoso esercito sedicente islamico). A chi tocca, tocca: è la fine delle sovranità nazionali. La carta geografica mondiale sta cambiando, ragazzi. Prepariamoci a giocare a Risiko con le armate della Banca tale contro la Megacorporation talaltra. Basta con la vecchia Jacuzia e la stupida Kamchatka, che non si sapeva nemmeno dov’erano: gli sportelli delle banche ce li abbiamo sotto casa. Auguriamoci di trovarli aperti al prossimo default.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design