• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Io sono più nero di te
di Costanza Firrao
Oggi, non solo negli USA ma anche in Italia e nel resto dell’Europa, i leader di tutto il Mondo, le cose che non dicono e le cose che dovrebbero fare e che non fanno, la misoginia, i problemi con la migrazione, il razzismo, la discriminazione riguardo i diversi modi di adorare dio, tutte queste cose costituiscono un passo indietro per l’umanità“. Questa saggia riflessione non appartiene a uno storico o a un politologo ma è stata pronunciata, per giunta in un ottimo italiano, da Viggo Mortensen, alla festa del Cinema di Roma. L’attore, di madre danese e padre americano, è stato intervistato nel corso della presentazione del film “Green book“, di Peter Farrelly.
Ambientato nei primi anni 60 in un’America razzista e insofferente alla scalata sociale dei “niggers”, Green Book (una guida per strade, bar e motel riservati ai cittadini di colore)  è un movie on the road, in cui si scontrano e s’incontrano due mondi diversi. Quello di Tony, italoamericano grezzo e manesco che fa il buttafuori in un locale e quello di Donald, raffinato e colto musicista di pelle nera. Tony, perennemente squattrinato con moglie e figli da mantenere, accetta suo malgrado di fare da autista a Don, per accompagnarlo nella tournée musicale che lo porterà da New York agli Stati del Sud, dall’Iowa al Mississipi. La macchina fila attraverso paesaggi sconfinati, deserti e tramonti da cartolina. All’inizio l’incomprensione tra i due è totale: l’uno parla, bestemmia, mangia con le mani pezzi di pollo fritto e unto, fuma come un turco; l’altro siede dietro composto con la sua copertina sulle gambe e cerca di arginare l’esuberanza volgare dell’autista. Ma, nel corso delle numerose avventure che li coinvolgono, qualcosa cambia tra e dentro di loro. Io sono più nero di te – dice Tony – sono vissuto nel Bronx, sono povero e ignorante. Io non so cosa sono – gli risponde Don – se abbastanza nero, se abbastanza bianco, se abbastanza uomo. Con una musica travolgente, tra riadattamenti di pezzi classici e sound popolare, il percorso comune arriva a compimento regalando a ciascuno dei due qualcosa dell’altro. Viggo Mortensen, ingrassato di 20 kg, sta alla perfezione nei panni di Tony; lo splendido Mahershala Ali è Don, alto, elegante, bello come un dio. Si ride e si sorride tanto, ma nulla è scontato o banale, perché tutto il film – 5 candidature all’Oscar – è autentico e vale più di mille proclami nella denuncia della brutta svolta che sta prendendo il mondo.
greenbook2
Quasi amici on the road
di Giuliana Maldini

Se volete uscire dal cinema soddisfatti e di buon umore andate a vedere “Green book”. E’ una commedia intelligente che fa riflettere e sorridere (ma perché in Italia non si riesce a fare qualcosa di simile?). La vicenda (tratta da una storia vera) si svolge on the road nell’America razzista degli anni sessanta, quella del “Ku Klus Klan” in cui bianchi e neri non potevano mangiare allo stesso tavolo. In due mesi forzati di convivenza due individui che provengono da mondi opposti si conoscono e poco per volta si piacciono e diventano amici: il buttafuori italoamericano Tony Vallelonga e il colto musicista nero dottor Donald Shirley. La formula, spesso vincente, dell’incontro tra due diversi personaggi non è nuova, come in “A spasso con Daisy” o in “Quasi amici” e qui, all’inizio, parrebbe tutto difficile, i due uomini sembrano non capirsi. Tony guida spavaldamente in mezzo a paesaggi che cambiano, tra boschi e nuove città, sputacchiando, scherzando, abbuffandosi di pollo e panini e, con modi rozzi ma estroversi tenta di sintonizzarsi con l’altro che invece, silenzioso e bacchettone, quasi un alieno, ha un atteggiamento sprezzante e pregiudiziale. Poi a poco a poco tutto si ammorbidisce, nasce la reciproca empatia e pure noi ci lasciamo coinvolgere sempre di più. “Green book” è candidato a 5 premi oscar e Viggo Mortensen ha superato se stesso perché è bravissimo in questo ruolo così lontano da tutti gli altri che ha interpretato. E’ persino riuscito a parlare con un improbabile buffo accento italoamericano (il film è infatti più godibile proprio in edizione originale con i sottotitoli). Unica nota assolutamente personale e negativa: per essere più credibile Viggo ha accettato d’ingrassare 20 chili! Non si poteva guardare così panciuto e sformato. Speriamo di rivederlo presto, magro e aitante come in“La promessa dell’assassino” dove combatte nudo nella doccia, più sexy che mai. Il valore del film sta proprio nella lievità del racconto, e richiama alla mente una frase dello scrittore austriaco Hugo Von Hofmannsthal: “La profondità va nascosta in superficie”.

Green Book di Peter Farrelly – USA 2018

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design