• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Greta e Io
Immagine di Aglaja - L'autrice da giovane (a sinistra) Greta (a destra)

Molti criticano, anzi insultano Greta Thunberg, la descrivono come manovrata da adulti, c’è chi addirittura vorrebbe metterla sotto con la macchina, e lo proclama nei social, con notevole successo.
Greta ha, come me, la sindrome di Asperger. Non è una malattia, è uno svantaggio pesante che però è anche un grande vantaggio. A cominciare dall’aspetto. Horror, dicono. E’ vero, noi Asperger abbiamo facce strane, sguardi gelidi – che non corrispondono alla nostra emozione interna, alla capacità di dare amore, nei comportamenti, e non a parole. E’ solo un fatto legato alla nostra carenza di neuroni specchio, che ci rende difficile sia capire che imitare le espressioni delle altre persone. Nello stesso tempo, si dice che godiamo di una capacità di fascinazione notevole, per me inspiegabile, ma di cui ogni mia terapeuta mi ha parlato – qualità che si accompagna all’istintiva ostilità che suscitiamo nelle persone convenzionali e conformiste. Abbiamo la capacità di fissarci su un tema, solo su quello, e non mollare – con passione e forza di volontà. Percentualmente, usufruiamo di una intelligenza superiore alla media; non sempre, ma spesso, ve lo garantisco. Siamo molto sinceri – il che non ci rende ovunque molto popolari, ma pure molto leali, il che ci rende amici affidabili. Siamo impossibili da manovrare, perché seguiamo sempre e solo le nostre convinzioni. Siamo pignoli, a volte noiosi…
Per me, la maggior parte del successo di Greta è attribuibile a lei e solo a lei. Immagino che quando Greta, già diagnosticata Asperger dagli 11 anni, ha cominciato a manifestare un forte interesse al cambiamento climatico, e abbia preso a saltare la scuola un giorno alla settimana per mostrare il suo cartello, sia stata la stessa persona che l’ha diagnosticata, a consigliare ai genitori di non ostacolarla. A noi Asperger venir bloccati nei forti interessi che ci sono tipici, fa molto male. E i genitori l’hanno lasciata fare. I ragazzini e le ragazzine, che sono privi di sciocchi pregiudizi, sono rimasti colpiti dalla convinzione di Greta, dalla sua fermezza, dalla sua decisione, dal suo fascino. E l’hanno seguita. In tanti.

manifestazione-ragazzi-con-greta

Per gli adolescenti avere una prospettiva di speranza è infinitamente importante. Tra i sanguinari minorenni black bloc arrestati a Parigi, e questi minorenni pacifici e entusiasti – magari illusi, ma portatori di speranza – sono infinitamente più importati i secondi. Gli amici di Greta lottano per il bene, non si accodano al male, tanto di moda. Li abbiamo visti nelle foto e in tv: bambini e ragazzi allegri, pacifici, sereni. Cresceranno come adulti con valori, con forza di carattere, coraggiosi. Il solo futuro possibile per una società ammalata di odio.
Sbagliano? Alla mia aspergerissima testa sorge il dubbio scientifico. Il clima, da quando esistono la Terra e la sua atmosfera, è sempre cambiato. L’attuale cambiamento è “naturale”, e legato ai capricci della stella attorno alla quale giriamo? Mah. Certo cambia a una velocità che mi pare inusuale, leggendo la storia dell’andamento di glaciazioni e riscaldamenti sul pianeta. Siamo stati noi con la nostra inusitata produzione di CO2? Non ne sono certa al 100%, ma, stando alle mie conoscenze di ex-giornalista scientifica, mi pare probabile. Comunque, mettiamoci dentro anche la lotta all’inquinamento, che c’è e si vede, è certo prodotto da noi umani, e sul quale abbiamo diretta influenza. Ecco, penso che la bella impresa di Greta meriti solo il successo. Anche se, per esser sincera, non serve a proteggere la Natura o il pianeta. E’ la specie umana che ha bisogno di protezione. La Terra ne ha viste tante e ancora è lì, e di noi può fare a meno. La Natura non è un tenero Disney, ma una serie di leggi severe. Conoscendo le quali, se riusciamo a renderci invivibile l’unico pianeta di cui disponiamo, saremmo davvero degli idioti. Meriteremmo l’estinzione, a forza di furbizia.
Perché tanto odio politico per Greta? Viene da ipocriti, da normotici, dal terrore di cinici e impostori, di donne bruttissime ma in cerca di visibilità, di uomini misogini, di diffusori di fake news in genere, di appassionati della violenza… Lo sapete bene da chi viene, l’odio, che sui social poi trova immenso spazio. Nello stesso tempo, alcuni media si sono lanciati esageratamente in suo favore con una valanga di luoghi comuni. La Repubblica è stata addirittura stucchevole. Il TG1 ha esagerato. Si tratta di comunicazione facile e superficiale, sia quella a favore che quella contraria. Ma il messaggio di Greta non ha bisogno di retorica, e non teme i nemici. Va avanti da solo. Oltre gli insulti idioti e i complimenti pelosi.

amic-elfii-ritagliati

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design