• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Baffino, a noi donne e uomini d’animo comunista, ci aveva incantati. Tutte e tutti figli d’un dio minore, ci sentivamo, e pur di vederlo ai fornelli a mantecar risotti, anche Vespa ci sorbivamo. Credevamo in lui, nel leader Maximo, primo figlio del Pci a presiedere Palazzo Chigi. E non c’importava della vela, dei mocassini fatti a mano, della casa vip ad affitto popolare, delle crostate, delle bicamerali, dei patti sopra e sotto il banco. Noi che Botteghe Oscure ci aveva insegnato tutto, che militavamo nella Fgci a sedici anni, che da sempre avevamo preferito lui a Uolter, eravamo pronti al compromesso.
Ancora ti amavamo. Ad onta dell’aura spocchiosa che già ti circondava. Ma poi, compagno D’Alema, sono venute le onorificenze pontificie, Mediaset definita risorsa del paese, la Lega costola della sinistra. Un po’ difficili da digerire. E nonostante te stesso e gli annunciati propositi di ritiro, sei sempre lì. Il partito ex-pci-pidiesse-diesse ora piddì era sempre di riffa o di raffa nelle tue mani. Sempre più gradito a destra e poco a manca, sognavi un Paese normale. Sapessi noi, Presidente D’Alema!
(Massimo D’Alema – 20 aprile 1949)

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design