• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Il mio amico e assai noto ‘causeur’ televisivo d’arte e altro ancora, Philippe Daverio, compare su Wikipedia in paletò di Casentino scarlatto e si atteggia come fosse un busto marmoreo davanti al monumento alla vittoria della Armata Rossa sulla Germania nazista, situato nel Treptower Park di Berlino. Philippe, da quando lo conosco, è sempre stato un giocherellone più che disponibile alla avventura spiritosa e un po’ smargiasso; il che lo rende salottiero, intrigante e simpatico ‘bon vivant’.
Ma l’apparenza non inganni: chi lo conosce bene sa che lui è uomo dai principi saldi, un tipo che non molla mai soprattutto quando si tratta di combattere per cause perse ritenute giuste, nel campo delle passioni artistiche (che Philippe ha coltivato e coltiva al di là delle mode correnti) ancora più di quelle politiche, di cui egli si occupa a corrente alternata col gusto pervicace e prevalente di ‘épater les bourgeois’…
Ma, in fondo: come avrebbe potuto essere diversamente per uno come lui, se certe inclinazioni discendono ‘per li rami’ ?
Philippe non lo fa presente, in genere. Ma il suo lignaggio è chiarissimo: egli deriva familiarmente dall’illustre varesotto Francesco Daverio (1815 –1849) il patriota eroe del Risorgimento che prese parte alle Cinque giornate di Milano, ma soprattutto organizzò l’ ardimentosa resistenza garibaldina agli austriaci aiutando il Generale a sconfinare nel Canton Ticino a seguito di accanite ed impari battaglie combattute dopo l’abbandono dei patrioti lombardi una volta firmati gli accordi di pace tra Piemonte e Impero Asburgico (1848).
Francesco Daverio morì da eroe l’anno dopo, nel 1849, sotto il fuoco francese sul colle del Gianicolo, dove era giunto a difesa della Repubblica Romana. Con lui persero la vita altri due patrioti ‘insubri’, originari di Varese, i non dimenticati Enrico Dandolo ed Emilio Morosini. I loro nomi sono ricordati sulle strade di Monteverde vecchio, così come il busto marmoreo di Francesco Daverio e degli altri patrioti si erge al Gianicolo nei pressi di Porta San Pancrazio, dove svetta il monumento bronzeo di Garibaldi a cavallo….

Il busto di Francesco Daverio al Gianicolo
Il busto di Francesco Daverio al Gianicolo

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design