• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Il delatore
"Sora Impiccetta"

Il delatore

scritto da Elsa Emanuela Stella

nuovi_lavoriLo strumento più efficace per la verifica della corretta attuazione del reddito di cittadinanza è l’occhio vigile dei vicini, strictu dictu la spiata. Lo ha dichiarato il ministro Di Maio, e il mio primo pensiero è stato «finalmente un antidoto al tedio della pensione!». Già ho sistemato un cuscinetto sul davanzale, avvicinato la sedia e comprato un binocolo. Anche perché, senza scomodare Hitchcock e la sua Finestra sul cortile, in Italia esiste una lunga tradizione di donne anziane, dette a Roma Sora Impiccetta, che si appostano alla finestra per vigilare sul comportamento dei “casigliani”, come li chiamava Totò, o, nei paesi, portano fuori la seggiola e la sistemano all’ombra d’estate e al sole d’inverno per “chiacchierare con le vicine”, in realtà per sottoporre i passanti a uno scrutinio da fare concorrenza a quello di un posto di blocco di Tel Aviv. C’è perfino una pagina Facebook, ma una rete di delazione che si rispetti non può affidarsi alla mera, sporadica iniziativa individuale: esistono i portieri, da quelle leggendarie di Simenon ai sinistri figuri che sotto il fascismo agivano da delatori patentati, e temuti, denunciando magari per vendetta gli inquilini del caseggiato. Anche se oggi, almeno nelle grandi città, i portieri superstiti (il loro è il primo “costo” che i condomini tagliano) sono spesso stranieri, specie asiatici, e quindi meno adusi ai costumi locali. Senza contare che magari qualcuno di loro, a basso reddito, potrebbe pure beneficiare dell’ elargizione che sta per essere introdotta. E non vanno trascurati i negozianti vicino casa, e perché no il giornalaio, che può accorgersi che compri Vanity Fair invece del quotidiano (a proposito, il giornale rientra tra le spese non sanzionabili, per chi è sottoposto a regime di reddito di cittadinanza?).
Insomma, un’altra tradizione, anzi, una vocazione italica che ritorna, e che ci cale della recente pronuncia della Cassazione, secondo la quale chi ti spia dalla finestra non commette reato di molestie, in quanto ti osserva dalla sua proprietà privata, mentre è invece punibile la vicina che si apposti sul terrazzo condominiale, luogo aperto al pubblico, e che scruti dentro casa tua, costringendoti a tirare le tende? Privacy, che privacy? Senza contare che si tratta di una parola straniera! L’Italietta del nuovo corso “rivoluzionario” somiglia sempre più a quella di un passato che ingenuamente credevamo archiviato.

Leggi anche: 
Nuovi lavori 1

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design