• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Era già al colmo della notorietà il vate del simbolismo tedesco, Stefan George (1868-1933) quando nel 1907 pubblicò un libro di versi, ‘Maximin’, in memoria glorificante il giovanissimo poeta che egli aveva profondamente amato e accolto nel suo circolo di adepti al culto della parola disdegnante realismo e naturalismo. “Maximin” si chiamava Maximilian Kronberger (1888-1904) aveva incontrato George alla età di quattordici anni e due anni dopo morì di meningite.
Devastato dal dolore, George pubblicò la raccolta di poesie in una edizione illustrata da Melchior Lechter in quello Jugendstil che faceva il paio con la evocativa e rettilinea parola del poeta.
Il ricordo di Massimino divenne un culto religioso dell’amore omosessuale secondo la regola che George incoraggiava.
Il poeta tedesco si era formato una rigorosa e originale personalità espressiva dopo avere assimilato la influenza di Stéphane Mallarmé.
La sua era una miscela efficace di modernità e tradizione: guardava alla sintesi classica, e ad una estetica del suono della parola. Le sue poesie mettono in mostra un immaginario molto sensuale costruito con cura, basato sulla visione e sulla musicalità del verso.
Decisamente conservatore e antidemocratico, Stefan George influenzò la poetica moderna pure essendo agli antipodi della ideologia progressista e liberale.La sua poesia si esprime in termini di aristocrazia estetica, e tende a trasmettere l’esperienza emotiva in termini sottili e ineffabili.
La apologia ‘divinizzante’ la figura di Maximin non è tra le sue opere migliori.
Io ho sempre amato, e continuo ad amare, i versi raccolti nello ‘Jahr der Seele’ (1897), o l’Anno dell’ Anima, che dipingono paesaggi e stagioni con i timbri della sensualità e della comunione erotica. Quasi tutte le poesie sono rivolte ad un ‘Tu’ impersonale in un dialogo simbolico d’amore perenne. Il ‘George-Kreis‘, cerchia d’elite di amici e ammiratori, era in qualche modo un gruppo di culto che associava misticismo, ermetica ed altri rituali.
Dopo la morte del giovane protetto Maximin Kronberger, la poesia di George divenne sempre più trascendente, profetica, e oscura.
All’ inizio egli considerava la poesia come una forma di canto e molti dei suoi primi lavori sono in realtà dei Lieder, e nel George Kreis si svolgevano spettacoli musicali, a volte con l’accompagnamento della lira, alla maniera della antica Grecia.
Anche dopo la sua rinuncia alla musica, George dispose linee guida per la corretta recita della sua poesia.
L’oratore, secondo lui, dovrebbe ottenere una via di mezzo tra il parlare e il canto.
E fu in seguito Anton Webern (1883-1945) proveniente da tradizione assai diversa da quella di George, per quanto anche lui influenzato da Wagner, a comporre in chiave dodecafonica una grande varietà di suoi testi poetici….

Le poesie dedicate a Maximilian Kronberger
Le poesie dedicate a Maximilian Kronberger

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design