• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

In otto anni, da quando sono uscito dal Parlamento, non mi era mai capitato di rammaricarmene: questa volta, invece, mi dispiace di non esserci e di non poter, quindi, lasciare agli atti questo breve intervento.

“La legge del 1957 prevede la ineleggibilità per i titolari di concessioni dello Stato. In anni lontani – quando ancora di Berlusconi in politica non c’era neppure l’idea – ho scoperto che questa formula fu adottata per escludere dalla eleggibilità i fratelli Salvo, all’epoca titolari in Sicilia della concessione per la riscossione dei tributi. Ma questo conta poco. Conta, invece, e molto, la lettera della legge. Non pochi sostengono con assoluta certezza che non può essere ineleggibile il titolare della concessione (Confalonieri) e non il proprietario delle aziende che usufruiscono di quella concessione (Berlusconi). Un argomento sostanzialista apparentemente di buon senso.
Ma è un argomento insostenibile dal punto di vista giuridico. Esistono intere biblioteche nelle quali si argomenta e si dimostra che, quando vengano chiamati in causa diritti fondamentali (come è quello di eleggere e di essere eletto), la norma va applicata in senso restrittivo, cioè esattamente alla lettera. In qualunque trattato costituzionale si leggerà che prima viene il diritto, poi la limitazione del diritto; e, per questo motivo, ci si deve attenere a una lettura della legge rigorosa e non analogica.
È ovviamente possibile sostenere che la norma di cui si discute è contraddittoria, insufficiente, sbagliata; perché se è ineleggibile il titolare della concessione deve esserlo anche il proprietario delle aziende. Ma, se è così, si dovrà operare per modificare la norma; non pretendere di applicarla secondo una interpretazione estensiva. Su questa strada c’è – lo ripeto – l’ostacolo di una dottrina chiarissima e univoca che si erge, giustamente, a tutela dei diritti fondamentali della persona e del cittadino. E, se ci si riflette un momento, si vedrà che anche il buon senso concorda”.

Non ho usato nessun argomento politico; solo rispetto della legge e del diritto, come deve essere in casi del genere. Questo mi piacerebbe lasciare agli atti del Senato. Spero lo faccia qualcun altro. Anche se – finora – mi sembra che nessuno ne abbia sentito il bisogno.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design