• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

C’è qualcosa di straordinario nella musica napoletana: la continua capacità di fare i conti con il proprio passato per rinnovarsi, per rinascere e porsi al centro della scena internazionale. È così ormai da secoli. Canzoni scritte nel Settecento e nell’Ottocento sono giunte a noi reinterpretate, arrangiate con sonorità sempre diverse.
Renato Carosone, Pino Daniele, solo per citare alcuni nomi, hanno cantato il dialetto con i ritmi del rock e del blues, Roberto De Simone e la Nuova Compagnia di Canto Popolare hanno operato una riflessione sui temi della musica popolare, rendendola attuale.
Napoli ha questo dono particolare, saper coniugare la cultura delle classi subalterne con le avanguardie artistiche. L’equilibrio alchemico in cui situazioni umane, sociali e culturali radicalmente diverse sanno convivere, spesso produce opere geniali.
La Ballata dell’Ipocondria (o del vibrione innamorato) di Canio Loguercio ed il video di Antonello Matarazzo lasciano stupefatti per la dirompente potenza visiva delle immagini e per il modo in cui la musica del passato interagisce con le sonorità del presente.
Immagini, parole, ritmi, suoni, coreografie si susseguono vertiginosamente, le tradizioni e le avanguardie dialogano con il magma della quotidianità, la gestualità degli attori, le voci e i suoni ci riportano tra i vicoli dei quartieri, evocando paure ancestrali. Tema della ballata, come sempre, l’amore… “un vibrione innamorato”.

canio-da-mettere-in-fondo-26613416_10215106625761790_296687875_o

La musica colta e popolare del duo Loguercio-D’alessandro al Parco della Musica di Roma 11 gennaio

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design