• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
La birra di Pasteur
Illustrazione ©Stefano Navarrini

La birra di Pasteur

scritto da Christian Zucca

Ci starebbe bene una birretta. Chi non l’ha mai detto o sentito dire in vita sua? Nessuno. Ma poi che tipo? Bionda, rossa o nera? Di malto o di frumento? Inglese, tedesca o belga? Cruda oppure? Parliamo di quello che viene dopo quell’oppure.

Prima del 1862 la birra veniva consumata in fretta, prima che la fermentazione continua la facesse andare a male. Ma un signore francese, un chimico, spinto dal patriottismo o forse dall’alcolismo voleva una birra immarcescibile che desse lustro alla propria nazione e che, soprattutto, rubasse il primato di eccellenza ai maledetti tedeschi. Già, perché nella vita di tutti, prima o poi, arriva un tedesco da battere.

L’intuizione fu quella di scaldare la birra fino a sessanta gradi per trenta minuti e uccidere quei piccoli bastardelli che la facevano ammalare. Fu così che nacque una stella: la pastorizzazione. Quell’ubriacone patriota era Louis Pasteur, universalmente noto per aver migliorato e introdotto le vaccinazioni di massa.

I tedeschi mantengono tuttora il primato di eccellenza, ma chissenefrega!

 

 

 

 

 

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design