• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Nel nostro piccolo anche noi, in Italia, abbiamo avuto un’ondata beat. Siamo tra il 1965 e il 1970, più o meno, una galassia di gruppi con frangette e vestiti colorati esce dalle cantine per tentare la fortuna negli anni dove tutto sembra possibile: roba fatta in casa e neanche malaccio, o importata direttamente dall’Inghilterra, per risparmiare. Anche le canzoni, sempre per risparmiare, sono per lo più cover, repliche in italiano di grandi successi inglesi o americani.
I nostri Beatles e Rolling Stones furono due gruppi che, con caratteristiche molto diverse tra loro (e anche dagli originali, tocca dirlo) dominarono la scena in quegli anni: l’Equipe 84, modenesi capitanati dal bizzarro e geniale Maurizio Vandelli, dotati di un decisivo pizzico di originalità in più rispetto agli altri gruppi dell’epoca. E i Rokes, calati dalla Gran Bretagna a impersonare il mito beatlesiano forti dell’accento esotico, evocativo di un irresistibile effetto Alberto Sordi americano a Roma al rovescio.
L’Equipe, dopo le solite cover iniziali, cominciò presto ad affidarsi alle composizioni di songwiters nostrani di altissima qualità come Francesco Guccini e Lucio Battisti, raggiungendo una dimensione originale di tutto rispetto, culminata nella storica “29 settembre” creata per loro dal micidiale duo Battisti-Mogol.
Shel Shapiro, altissimo frontman dei Rokes, mantenne il suo gruppo su un livello costante di qualità buona, ma più stereotipata: buone maniere, mosse sincronizzate, completi e chitarre uguali, le mitiche “Eko” a freccia create apposta per loro, repertorio musicale di sicuro affidamento.
Mentre i Rokes regalarono però il meglio di sé all’inizio della carriera, con inni generazionali come “Che colpa abbiamo noi” e “E’ la pioggia che va”, l’Equipe 84 è cresciuta negli anni, dimostrandosi alla lunga un ensemble più vivace e creativo.
Per questo la sfida del beat italiano, a nostro avviso, la vincono loro.

equipe

Commenta su Facebook!

Dieci passi in Ellerì
Il Navigatore
Kintsugi: il dolore si ripara con l’oro

Kintsugi: il dolore si ripara con l’oro

scritto da Anna Giurickovic Dato

Il segno di Porro

Il segno di Porro

scritto da Gabriella De Bartolomeo

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design