• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Una favola amniotica in cui, come in tutte le favole, ci sono i buoni e i cattivi: nella prima categoria vanno inseriti la principessa senza voce e il mostro marino, insieme con la donna di pulizie di colore, il pittore omosessuale e lo scienziato scrupoloso. Nella seconda, tutti i cattivi che popolavano l’America degli anni 60, in cui i nemici da eliminare ed emarginare erano i russi, i neri, i “pervertiti”. Cattivo per eccellenza è Strickland, responsabile militare dell’Istituto in cui viene rinchiuso uno strano essere, metà pesce metà uomo, destinato a studi e dissezioni scientifiche.
Con richiami a ET, alla Bella e alla Bestia, al cineasta di film di fantascienza Jack Arnold, ma anche al suo Labirinto del fauno (2006), il regista messicano Guillermo del Toro, attinge al repertorio fantasy e horror, per confezionare un film fuori dagli schemi, vintage nei suoni – meravigliosa la musica di Glenn Miller; nei colori appassiti degli interni delle case e delle insegne dei negozi, nella ricerca sia estetica che etica di ambienti e sensazioni démodé. Una storia d’amore – come recita la voce fuori campo – di amori estremi e impossibili, che pure riescono a esplicitarsi con naturalezza. Una storia di delicate amicizie: tra Elisa, la ragazza muta, e Zelda, la sua collega di colore; tra Elisa e Giles, il vicino di casa gay, autore di ritratti che nessuno vuole. E, nel contempo, spionaggio, suspence, effetti speciali, battute divertenti, scene acquatiche di grande suggestione e immagini di crudeltà senza limiti: 120 minuti rattrappiti sulla sedia a sperare che alla fine, come in tutte le favole che rispettino, vincano i buoni e i cattivi abbiano la peggio.
Ma La Forma dell’acqua (The shape of water) è molto più di un film di fantascienza, è una sfida ad andare oltre l’immaginario, a ripensare il mondo – non solo quello di ieri, soprattutto quello di oggi – come luogo tollerante nei confronti di ogni genere di diversità.
Leone d’Oro al Festival di Venezia, l’opera di del Toro è accreditata di 13 candidature agli Oscar. Nomination come attrice protagonista per la straordinaria Sally Hawkins (Elisa), come attrice non protagonista per Octavia Spencer (Zelda), indimenticabile in The Help e come attore non protagonista per Richard Jenkins, il timido Giles. Non le vincerà tutte le statuette, ma questa pellicola rivoluzionaria e poetica – cinema nella sua forma più alta – ne merita parecchie.

 

La forma dell’acqua di Guillermo del ToroUsa 2017

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design