• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Solo parole esatte
Cerca nei titoli
Cerca nel contenuto
Search in comments
Cerca nei riassunti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Custom Post Type
Filtra per categorie
Poesia
Venerdì in versi
Emily Dickinson
Critica poetica
Costumi
Manuale di sopravvivenza
Amore ma anche no
Cucina Intelligente
Viaggi
Sesso sesso
Attualità
Società
MediaWeb
Polis
Sport
Scienza
Editoriale
Scritture
Racconti
In 10 righe
Pensieri Letterari
Storia
La Redazione
Concorso letterario ellerì
Cultura
Cinema
Libri
Musica
Arte Arti
Teatro
Fotografia
Senza categoria
Immagini
{ "homeurl": "http://www.larivistaintelligente.it/", "resultstype": "vertical", "resultsposition": "block", "itemscount": 4, "imagewidth": 70, "imageheight": 70, "resultitemheight": "auto", "showauthor": 1, "showdate": 0, "showdescription": 1, "charcount": 2, "noresultstext": "Nessun risultato!", "didyoumeantext": " Forse intendevi?", "defaultImage": "http://www.larivistaintelligente.it/wp-content/plugins/ajax-search-pro/img/default.jpg", "highlight": 1, "highlightwholewords": 1, "openToBlank": 0, "scrollToResults": 1, "resultareaclickable": 1, "autocomplete": { "enabled": 1, "googleOnly": 0, "lang": "it" }, "triggerontype": 1, "triggeronclick": 1, "triggeronreturn": 1, "triggerOnFacetChange": 1, "overridewpdefault": 1, "redirectonclick": 0, "redirectClickTo": "results_page", "redirect_on_enter": 0, "redirectEnterTo": "results_page", "redirect_url": "?s={phrase}", "more_redirect_url": "?s={phrase}", "settingsimagepos": "left", "settingsVisible": 0, "hresultanimation": "bounceIn", "vresultanimation": "rollIn", "hresulthidedesc": "1", "prescontainerheight": "400px", "pshowsubtitle": "0", "pshowdesc": "1", "closeOnDocClick": 1, "iifNoImage": "description", "iiRows": 2, "iitemsWidth": 1100, "iitemsHeight": 400, "iishowOverlay": 1, "iiblurOverlay": 1, "iihideContent": 1, "iianimation": "bounceIn", "analytics": 0, "analyticsString": "", "aapl": { "on_click": 0, "on_magnifier": 0, "on_enter": 0, "on_typing": 0 }, "compact": { "enabled": 0, "width": "100%", "closeOnMagnifier": 1, "closeOnDocument": 0, "position": "static" } }

Non capiva mai dal primo giorno in cui ci eravamo messi insieme le avevo detto quello che mi piaceva e quello che non mi piaceva tutte le cose che una donna deve fare per il suo uomo e un uomo per la sua donna ma lei non capiva mai…
allora io per farla capire la dovevo picchiare che in certi periodi le botte me le tirava fuori dalle mani ma così spesso da farmi pensare che sotto sotto le piaceva…
io cercavo di non farle mancare niente le regalavo tutte le cose che la facevano sentire figa ci siamo fatti il tatuaggio maori nello stesso punto sul bicipite e per natale anche la tigre che usciva dal sedere e andava a finire sulla schiena che si vedeva sempre dai pantaloni a vita bassa che mi faceva impazzire quando se li metteva col tanga tutte le settimane ci facevamo la lampada totale per essere sempre abbronzati e l’avevo portata anche a Sharm che erano andate tutte le sue amiche e lei per convincermi mi si era strusciata addosso e faceva tutta la micina che sembrava in calore…
è vero che ogni tanto le davo una ripassata anche se non me li rompeva i coglioni ma era chiaro che lo facevo perché era la mia donna era il modo per farla sentire che eravamo una dell’altro poi un giorno dopo quasi due anni che stavamo insieme e che tutto andava a meraviglia mi chiama intanto che sono al bar che gliel’ho sempre detto che coi miei amici zio i coglioni non me li devi rompere che c’abbiamo i cazzi nostri da discutere e mi dice che non mi vuole più che lei non può stare con uno che non fa un cazzo dalla mattina alla sera che bevo troppo e quando bevo le faccio paura e che lei si è rotta i coglioni di tutte ste botte e che non devo cercarla che lei ha bisogno di una pausa che allora va via perché sono troppo fuori che ci deve pensare bene…
quando arrivo a casa lei ha portato via tutti i vestiti e le scarpe e i trucchi che sembra ci sono stati i ladri e io però me ne sbatto che tanto non riesce a starmi lontano neanche un giorno che lo so che è andata da quella stronza di sua mamma che se anche la chiamo dirà di no che mi ha sempre avuto sulle palle…
io non ci dormo una notte e bevo due notti e continuo a bere e sono sempre più incazzato perché la tipa non si fa viva passano due settimane e in un momento che mi passa la botta la vado a spiare fuori dal negozio di parrucchiera dove lavora ha anche i capelli più lunghi s’è fatta le stescion bionde la stronza e quando vedo che ride con la sua amica una di quelle belle risate a sbattimento di cazzo come se niente fosse io non ci vedo più mi nascondo nell’ombra e la aspetto e quando è li davanti le si ferma il fiato in gola e diventa bianca come una merda e io allora senza darle il tempo di reagire la butto per terra e comincio a picchiare a calci e schiaffoni fino a quando le mani mi fanno così male che non le sento più e nell’aria sento le sirene…
mi hanno detto che l’ho ammazzata a botte solo che io non me n’ero mica accorto non l’ho fatto apposta volevo farle capire bene chi comanda volevo tirarla su e riportarla a casa perché io l’amavo e ci davamo una bella sbattuta per festeggiare il ritorno che io non potevo restare da solo che stavo troppo male…

 

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design