• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
La strana coppia Carrey Mussolini
Jim Carrey - Alessandra Mussolini

In questi giorni i media riportano la notizia di uno scambio, alquanto surreale, tra il notissimo attore americano Jim Carrey e Alessandra Mussolini.
Il primo ha corredato un suo tweet antifascista con un disegno (pare eseguito in prima persona) raffigurante i cadaveri di Benito Mussolini, nonno di Alessandra, e Claretta Petacci appesi alla famosa pompa di benzina di Piazzale Loreto, a Milano.
La seconda gli ha risposto con un bruciante “You’re a bastard”, dando la stura a una polemica solo in apparenza marginale.
A parte le considerazioni derivanti dall’uso sempre più totale dei socialnetwork come mezzo di comunicazione, capaci di coinvolgere e mettere in contatto persone che mai lo sarebbero state altrimenti e alle masse di partecipare (i famosi 15 minuti warholiani di celebrità) al banchetto globale, il fatto specifico merita attenzione.
Jim Carrey, fiero oppositore di Donald Trump, si è dimostrato arrogante e violento nel modo da lui scelto di manifestare il suo antifascismo.
“Se vi state chiedendo dove porti il fascismo, chiedete a Benito Mussolini e alla sua amante Claretta”, recita il testo del tweet.
Direi innanzitutto che non solo il fascismo, ma tutte le dittature sono a forte rischio di finali come quello raffigurato nel disegno.Di più: uomini ben più degni del duce e grandi alfieri della libertà hanno chiuso altrettanto tragicamente la loro parabola. John e Robert Kennedy. Aldo Moro, Martin Luther King, Yitzak Rabin, Olof Palme. Tantissimi altri.
Anche quel “mistress”, amante, rifilato con disprezzo alla Petacci emana, a ben vedere, un sentore di misoginia non in sintonia con la visione ostile al re dei misogini Donald Trump.
La Storia non è un fumetto ma una cosa molto seria, da studiare a fondo per poterla maneggiare con equilibrio e saggezza. E con umanità, virtù ormai quasi estinta, annullata da una tastiera e un monitor che lasciano spesso spazio agli istinti più deteriori.
Per concludere, vorrei dire a Jim Carrey che il popolo italiano non ha ancora, purtroppo, fatto in modo completo i conti con la stagione del fascismo, lo dimostrano le sue scelte attuali; che la giornata di Piazzale Loreto è giudicata tuttora dall’Italia democratica un episodio cupo, da leggere e archiviare in un ottica storica, tra le cose che ci si augura non accadano mai più.
E che, per l’occasione, mi ha costretto a simpatizzare con Alessandra Mussolini.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design