• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Non pochi coltivano l’incertezza non solo sul chi votare, ma anche sul se votare. I giornali di questi giorni dicono che sarebbe un numero di elettori più alto del solito; i quali – come è sempre avvenuto – decideranno solo negli ultimi giorni, se non nelle ultime ore. Se ne parla un po’ come fossero handicappati; e anche loro, spesso, si considerano se non proprio tali, non all’altezza dei “normali” che hanno tutto chiaro in testa. In realtà il giudizio potrebbe essere facilmente capovolto; si tratta, infatti, di persone che dedicano più tempo e riflessione di altri per decidere che uso fare del voto. Meritano, perciò, più attenzione di quanti fin dall’inizio hanno chiaro che voteranno, e per chi. Questa nota è dedicata a loro; cerca di mettere in luce il significato della loro incertezza. Ha l’obiettivo di aiutarli a prendere una decisione il più possibile consapevole.
Escludiamo coloro che non votano da tempo, e che con buona probabilità non voteranno neppure questa volta. Sono anch’essi importanti, ma è quasi impossibile risalire alle motivazioni originarie di un comportamento consolidato. Concentriamoci, invece, su quelli che nelle elezioni trascorse sono andati a votare e non sanno se farlo questa volta.
Chi nelle ultime elezioni omologhe (quelle politiche del 2008) ha votato per una lista ed è in dubbio se farlo ancora è – evidentemente – perché non giudica positiva l’azione di coloro ai quali dette fiducia e sostegno. Anche se dice a se stesso/a che si astiene per motivi più generali (che so, per una ripulsa complessiva nei confronti della politica e delle sue degenerazioni) il danneggiato è uno: quello che l’altra volta ebbe il suo voto e questa volta non lo avrà. Passare dal voto al non voto ha questo effetto pratico; chi decide un cambiamento di questo tipo è bene che lo abbia chiaro e che sia convinto di volerlo.
Non votare per questo motivo ha dunque il significato di una “sanzione” verso quello che avevamo preferito l’ultima volta; ma è una sanzione – per così dire – al 50%: “Non mi accompagno più con te, ma non vado neppure in cerca di qualcun altro. E chissà, se ti redimerai, domani vedremo….”.
Per decidere di non votare con una certa tranquillità, è però necessario anche un altro presupposto: devi pensare che non siano incombenti pericoli che tu consideri particolarmente minacciosi. Qualora nutrissi timori del genere, logica vorrebbe che usassi il tuo voto in modo da contrastare quei pericoli. L’astensione, quindi, è perfettamente razionale da parte di chi vuole ritirare il consenso a chi l’aveva dato l’ultima volta; per mandargli un avvertimento o per staccarsene definitivamente senza aver tuttavia formulato nuove preferenze; e valuta di poterlo fare senza che, dal suo punto di vista, succeda nulla di irreparabile.

Come quando a poker si salta una mano. Certo, se poi di mani ne salti tante di seguito, vuol dire che hai deciso di non giocare più.

Vai alla presentazione

Commenta su Facebook!

Dieci passi in Ellerì
Il Beppe Natante
Cose
Cuori puri
All I want for Christmas is You!

All I want for Christmas is You!

scritto da Alkistis-Irene Wechsler

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design