• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

La cerimonia del nuoto” di Valentina Fortichiari, appena uscito da Bompiani, sfuggirebbe a qualsiasi classificazione letteraria. Non è un romanzo, non è un saggio, non è un manuale. Invece è molto di più, un libro imperdibile.
Trascorriamo, leggendolo, molto tempo sott’acqua e sopra l’acqua, immersi in un elemento primordiale che ci priva del peso corporeo e ci pone in aspetto meditativo verso l’essenza. Che sia la piscina dell’introduzione, dove l’autrice racconta il nuoto come esperienza agonistica, o i capitoli che seguono e narrano avventure stupefacenti e anche drammatiche di animali che vivono nel mare (il cavalluccio marino, la foca, il capodoglio solitario, il dugongo e altri ancora) ogni cosa è narrata con una lingua squisita e di straordinaria sensibilità.
Degli esseri marini ascoltiamo il respiro, i sentimenti, li seguiamo nei loro caratteri e caratteristiche, nella lotta per la sopravvivenza dei tonni mediterranei ad esempio, e nella sterminata immensità degli oceani. I rumori sono il fruscio delle onde nell’immersione, il canto delle balene, lo sbattere della pinna, il silenzio apparente. La leggerezza è di animali minuscoli che danzano e altri enormi che viaggiano per miglia con la loro, passatemi il termine, umanità. La natura ha sempre il sopravvento perché natura selvaggia, con le sue leggi e il suo sospiro.
A Valentina Fortichiari piacciono i luoghi estremi, i fiordi islandesi, le baie della Groenlandia; le figure maschili e femminili di alcuni racconti vivono dentro elementi intensi e difficili, affrontano la neve e il ghiaccio, posti dove la mediazione non esiste, esiste la compenetrazione con l’aurora boreale, il buio e la luce, gli iceberg e l’acqua cristallina pullulante di vita.
Nell’acqua e nel nuoto di gesti puri – la prima nostra esperienza è a ben vedere nel liquido amniotico – i ricordi affiorano delicati come in quel nuotare di padre e figlia insieme alle isole Lofoten, con il padre che non può più sostenere il ritmo della bracciata perché vecchio e stanco, senza fiato. Ecco, qui, come in tutti gli altri racconti, Fortichiari ubbidisce consapevolmente alla vita concepita nel suo significato più profondo, e che comprende la morte.
Se noi lettori rimaniamo estasiati e ci immedesimiamo così tanto in queste pagine è perché stiamo veramente assistendo e vivendo una cerimonia del corpo e della mente, dei sensi e del pensiero di cui sono dotati anche gli animali. Perché questo accada in modo tanto mirabile, era necessaria una lingua che riuscisse a pervaderci, una scrittura altissima colma delle parole migliori per narrare. È successo: il ricongiungimento che avviene in chi legge non è soltanto con ciò che di naturale siamo nel mondo lontano dal tramestio sulla terra, ma anche con un linguaggio di una precisione e delicatezza eccezionali, pieno di sfumature e riflessioni che l’autrice usa per narrarci il senso della vita e il suo amore per il mare.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design