• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Il film si apre con una scena alla Olmi: un’Italia remota e contadina, una stanza con poche e misere suppellettili in cui razzolano galline, fanciulle vestite con camicie da notte di cotone grezzo, uomini e vecchi col volto segnato dalla fatica. Fuori, nell’aia, al chiarore della luna, gemono zampogne dal suono antico. Il luogo è imprecisato, situato al centro sud, campi di tabacco in basso e tutt’intorno montagne aspre e brulle, franose, scavate dagli elementi. Anche l’epoca è imprecisata. I braccianti lavorano nei possedimenti di una nobile del luogo che di tanto in tanto appare e soggiorna nel palazzetto avito. Tra i lavoranti, maschi e femmine, spicca la figura di un ragazzo, Lazzaro, mite e gentile, con lo sguardo puro di un bambino. Tutti lo cercano, Lazzaro qua Lazzaro là, per i compiti più gravosi, cui lui si presta col sorriso sulle labbra.
La regista e sceneggiatrice Alice Rohrwacher, sorella della più famosa Alba (che ha una parte essenziale nel film), mette a fuoco una storia misteriosa, a tratti surreale, con riferimenti al Vangelo e alle sue parabole. Con personaggi bizzarri, che a volte, come detto, sembrano appartenere alla poetica di Olmi, altre riecheggiano il cinema di Sergio Citti, altre ancora quello del “Brutti, sporchi e cattivi” di Ettore Scola.
Ma con un fil rouge che lega generi e ruoli: il racconto della vita degli umili, degli sfruttati, del male e del bene, dei puri di spirito. Due parti quasi squilibrate tra loro, la prima atavica, la seconda postmoderna con un salto temporale che spiazza e affascina. Immagini all’inizio quasi sfuocate, poi precise e crudeli nel descrivere la miseria degli ambienti e l’asprezza dei paesaggi.
Lazzaro felice” palma d’oro a Cannes per la migliore sceneggiatura, non è un film facile, sbeffeggiato da certa critica – barbosissima favola, lo bolla il Giornale – ma è una di quelle pellicole che ti restano dentro, durante e dopo la visione, che pongono interrogativi sul senso profondo della vita e sul nostro stare al mondo, in un mondo dominato da brutture e ingiustizie. Straordinario il giovane attore esordiente Adriano Tardiolo nella parte di Lazzaro: i suoi occhi sereni come due pozze d’acqua limpida, indimenticabili.
Lazzaro felice di Alice Rohrwacher – Italia 2018

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design