• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente
Lettera a un professore supplente
Foto di Jeanloup Sieff - 1959

Lettera a un professore supplente che quando va a scuola in provincia sembra che corra a prendere il treno per partire lontano.

Assorto tra coincidenze e tabelle è in ansia, lo si vede che soffre, che non si capacita bene se scappare lontano o restare al binario, partire senza aspettare conferma che il posto sia giusto ovvero sbagliato.

Tertium non datur ? Non è dato sapere.

A volte sembra quasi che tema il giudizio, ma nessuno davvero saprebbe dire di cosa: un mistero assorto e gentile dietro gli occhiali. Un uomo comune, un uomo normale.

Guarda i ragazzi, ogni volta fa finta di compilare il registro, nessuno capisce il tormento assorto in ogni domanda: sembra prima di tutto sia a se stesso che chieda cosa sia stato del tempo, di quando aveva vent’anni, di quanti anni abbia adesso.

Una sera la vita gli disse che andava a fare due passi, di non preoccuparsi, che sarebbe tornata al più presto. Pazienza, ma è un modo di dire a cui nessuno crede davvero.

Forse è per questo il motivo per cui, da supplente, è il silenzio che insegna.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design