• La RIvista Intelligente
  • social networks lri
La Rivista Intelligente

Basta fare la radical chic, l’intellettuale, la snob alternativa, devo immergermi nel mondo reale. Inizio sabato sera con una puntata di C’è posta per te e mi trovo catapultata in un mondo di famiglie distrutte da morti improvvise e di eroi da libro Cuore.
C’è il buono, che sgobba dalla mattina alla sera per mantenere tutta la famiglia e sogna di conoscere un calciatore della Roma che, una volta materializzatosi, inizia a emettere in una lingua new age suoni gutturali e concetti incomprensibili che il pubblico accoglie con scrosci di applausi.
Poi è il turno della ragazza “responsabile e matura” (Parola di Maria) il cui unico desiderio è quello di ballare un lento con un avvenente attore da soap con cui mi sarei strusciata pure io e tutte le poveracce perse sul divano, di sabato sera, a guardar il programma. Sono solo trenta secondi ma provocano picchi di estrogeni e progesterone in tutto il pubblico femminile, e all’auditel. Tutto il resto è noia. Fino a quando non spuntano un paio di storie piccanti, da far invidia a Tinto Brass.
Una coppia invocava il perdono del padre di lei, per un torto che i due avrebbero perpetrato nei suoi confronti. Quale torto? Eccolo: il novello genero, prima di dedicarsi con il dovuto ardore alla figlia di lui, aveva già circuito e sedotto in passato la moglie del futuro suocero. Risate nel pubblico e la conduttrice Maria che, perduta la falsa aurea di santità, sfodera un sorriso sadomaso con andatura da Krudelia.
Il colpo finale di risa e sesso ruspante mi viene somministrato da un meccanico disperato, che cerca il perdono della consorte per il suo comportamento poco ortodosso. Lui è un traditore seriale reo confesso: dal 2004, grazie alle chat su internet, riempie i buchi lasciati liberi da candele, spinterogeni e marmitte con signore scarburate che necessitano di manutenzione. Contemporaneamente, la pluricornificata moglie passa il suo tempo a controllare i molteplici cellulari che lui compra (e nasconde in officina)o a mettergli investigatori privati alle calcagna.
Con le lacrime agli occhi dal ridere spengo la TV e accendo il PC, non c’è sosta per me.

Commenta su Facebook!

Libri

  • Compra Dove i gamberi d'acqua dolce non nuotano più di Giovanna Nuvoletti
  • Compra L'aquila 1971 anatomia di una sommossa di Claudio Petruccioli
  • Compra L'era del cinghiale rosso di Giovanna Nuvoletti
  • Compra La scomparsa dell' alfabeto di Valeria Viganò

  Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Roma, n.134 del 27 maggio 2013.


Parte del materiale fotografico sul sito LRI proviene da Internet. Soggetti o autori possono esercitare la volontà di rimuoverlo, segnalandola allo staff editoriale grazie al modulo di contatto nel menù redazione.


Cristina Cilli Content Project Manager & Web Copywriting    Franco Oliveri WebDesign & Graphic Design